si può uscire dal piemonte

E’ ufficiale: dal 3 giugno ci si può spostare da una regione all’altra

Il sindaco di Milano Sala ringrazia indirettamente la Liguria ed è sferzante con quelle Regioni che si erano opposte ad accogliere i lombardi: "Quando deciderò dove andare in vacanza me ne ricorderò".

E’ ufficiale: dal 3 giugno ci si può spostare da una regione all’altra
Biella Città, 29 Maggio 2020 ore 23:12

Porte aperte del Piemonte e delle altre regioni italiane dal 3 giugno. E’ arrivata in serata, per voce dei ministri della Salute Roberto Speranza e degli affari regionali Francesco Boccia, la conferma che dal 3 giugno sarà possibile spostarsi da Regione a Regione. Quindi dalla Lombardia e dal Piemonte libero accesso ai turisti e proprietari delle seconde case in Liguria in particolare o nelle vicine regioni montane.

A stretto giro di posta il sindaco di Milano ha diffuso anche un videomessaggio rivolto in particolare a quelle regioni che si erano opposte alla riapertura dei confini di cui da giorni si parlava. In particolare la Sardegna, che aveva preteso che venisse istituita una sorta di Patente di Immunità o Patente Sanitaria per accedere all’isola.

Sala, nel ricordare compiaciuto l’invito del governatore della Liguria Giovanni Toti rivolto ai lombardi di tornare a frequentare la regione, ha detto senza giri di parole a quelle regioni “ostili” ai lombardi: “Quando deciderò dove andare in vacanza me ne ricorderò”.

“Non ci sono ragioni per cambiare data rispetto alla programmata riapertura degli spostamenti. Monitoreremo ancora nelle prossime ore l’andamento della curva» ha detto Roberto Speranza usendo dalla riunione dei capi delegazione, presieduta dal primo ministro Giuseppe Conte.

Il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia da domattina sentirà i governatori delle Regioni italiane per definire i dettaglia della riapertura totale alla circolazione da una regione all’altra del paese.

PER SAPERNE DI PIU’

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità