Cronaca

Due alpinisti travolti e uccisi da una valanga

Due alpinisti travolti e uccisi da una valanga
Cronaca 20 Aprile 2016 ore 19:54

Due scialpinisti piemontesi, Pietro Gilodi, 66 anni di Mezzenile (in provincia di Torino), e Franco Giuliano 60 anni di Valduggia, sono morti travolti da una valanga in Valgrisenche, in Valle d'Aosta. Si trovavano sul monte Testa del Rutor, in una zona  vicina al rifugio degli Angeli al Morion (ex rifugio Scavarda)e. Sono intervenuti il Soccorso alpino valdostano con l’elicottero, il medico e una unità cinofila nonché e il Soccorso alpino della Guardia di finanza per l'identificazione delle vittime (nella foto Ansa). Con i due alpinisti c’erano anche una guida alpina di Alagna e un altro compagno che sono stati solo sfiorati dalla massa di neve e si sono pertanto salvati. Entrambi sono stati sentiti dai finanzieri in qualità di testimoni della tragedia.

In questi giorni in Valle d'Aosta il pericolo

valanghe è elevato (livello 3 marcato su una scala di 5). Ieri si era verificato un altro incidente con un francese ricoverato in gravi condizioni, mentre a causa di una valanga lunedì è morto un altro scialpinista. Sempre ieri per una slavina era morta la campionessa di free rider Estelle Balet.

SERVIZIO DOMATTINA SU ECO DI BIELL AIN EDICOLA

Due scialpinisti piemontesi, Pietro Gilodi, 66 anni di Mezzenile (in provincia di Torino), e Franco Giuliano 60 anni di Valduggia, sono morti travolti da una valanga in Valgrisenche, in Valle d'Aosta. Si trovavano sul monte Testa del Rutor, in una zona  vicina al rifugio degli Angeli al Morion (ex rifugio Scavarda)e. Sono intervenuti il Soccorso alpino valdostano con l’elicottero, il medico e una unità cinofila nonché e il Soccorso alpino della Guardia di finanza per l'identificazione delle vittime (nella foto Ansa). Con i due alpinisti c’erano anche una guida alpina di Alagna e un altro compagno che sono stati solo sfiorati dalla massa di neve e si sono pertanto salvati. Entrambi sono stati sentiti dai finanzieri in qualità di testimoni della tragedia.

In questi giorni in Valle d'Aosta il pericolo

valanghe è elevato (livello 3 marcato su una scala di 5). Ieri si era verificato un altro incidente con un francese ricoverato in gravi condizioni, mentre a causa di una valanga lunedì è morto un altro scialpinista. Sempre ieri per una slavina era morta la campionessa di free rider Estelle Balet.

SERVIZIO DOMATTINA SU ECO DI BIELL AIN EDICOLA

Seguici sui nostri canali