Di nuovo in azione i ladri delle slot

Di nuovo in azione i ladri delle slot
04 Maggio 2017 ore 13:37

CASTELLETTO CERVO – Sono tornati a colpire i ladri specialisti in slot machine. Anche stavolta sono stati in grado di non far suonare il sistema d’allarme. Ma a differenza di altre volte hanno rubato solo qualche monetina in quanto le macchinette prese di mira erano già stata svuotare dal gestore. Il danno che hanno lasciato alle loro spalle, è comunque ingente.
Il furto è avvenuto due notti fa nei locale del “Live”, l’ex “Koko”, un locale alternativo, attrattiva per una vita di intere generazioni amanti della musica dal vivo, che si affaccia lungo la strada principale a Castelletto Cervo. I ladri erano di sicuro esperti, lo si evince dalla tecnica che anche in questo caso hanno utilizzato per aprire sia la porta d’ingresso sia le slot machine nella parte in cui sono custoditi i soldi. Lo strumento da scasso è stato anche stavolta un piccolo trapano, proprio com’era già successo in altre occasioni. I ladri dovevano conoscere molto bene il posto. Appare abbastanza chiaro che prima di commettere i furti, eseguono dei sopralluogo proprio per accertare l’eventuale presenza di sistemi d’allarme, le possibili vie d’accesso e di fuga. Ecco forse spiegato il motivo per il quale i ladri hanno forzato per entrare l’unica porta non allarmata. Appena dentro, poi, si sono ben guardati dallo spostarsi fuori dalla zona dov’erano custodite le slot proprio per evitare di imbattersi in qualche sensore e far scattare l’allarme.
A chiedere l’intervento dei carabinieri, è stata la proprietaria del locale, 50 anni, che ha mostrato i danni provocati dai ladri: tre slot machine forzate, il cambiamonete letteralmente divelto così come il portoncino d’ingresso.
V.Ca.

CASTELLETTO CERVO – Sono tornati a colpire i ladri specialisti in slot machine. Anche stavolta sono stati in grado di non far suonare il sistema d’allarme. Ma a differenza di altre volte hanno rubato solo qualche monetina in quanto le macchinette prese di mira erano già stata svuotare dal gestore. Il danno che hanno lasciato alle loro spalle, è comunque ingente.
Il furto è avvenuto due notti fa nei locale del “Live”, l’ex “Koko”, un locale alternativo, attrattiva per una vita di intere generazioni amanti della musica dal vivo, che si affaccia lungo la strada principale a Castelletto Cervo. I ladri erano di sicuro esperti, lo si evince dalla tecnica che anche in questo caso hanno utilizzato per aprire sia la porta d’ingresso sia le slot machine nella parte in cui sono custoditi i soldi. Lo strumento da scasso è stato anche stavolta un piccolo trapano, proprio com’era già successo in altre occasioni. I ladri dovevano conoscere molto bene il posto. Appare abbastanza chiaro che prima di commettere i furti, eseguono dei sopralluogo proprio per accertare l’eventuale presenza di sistemi d’allarme, le possibili vie d’accesso e di fuga. Ecco forse spiegato il motivo per il quale i ladri hanno forzato per entrare l’unica porta non allarmata. Appena dentro, poi, si sono ben guardati dallo spostarsi fuori dalla zona dov’erano custodite le slot proprio per evitare di imbattersi in qualche sensore e far scattare l’allarme.
A chiedere l’intervento dei carabinieri, è stata la proprietaria del locale, 50 anni, che ha mostrato i danni provocati dai ladri: tre slot machine forzate, il cambiamonete letteralmente divelto così come il portoncino d’ingresso.
V.Ca.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno