Cronaca

Delitto di Valle Mosso: la vittima morta soffocata

Delitto di Valle Mosso: la vittima morta soffocata
Cronaca 23 Gennaio 2018 ore 11:07

La Procura ha chiuso l’inchiesta per la morte di Pietro Bello, 55 anni, il giostraio di Magenta trovato senza vita, con i polsi legati da fascette di plastica e avvolto in una coperta, nella soffitta dell’abitazione di Valle Mosso di Cristian Angileri, 39 anni, il netturbino finito in carcere per l’accusa di omicidio preterintenzionale. Secondo il superperito torinese Roberto Testi, Bello potrebbe essere morto asfissiato dal suo stesso sangue e non per le botte dell’indagato.
Valter Caneparo 

Leggi di più sull'Eco di Biella in edicola

La Procura ha chiuso l’inchiesta per la morte di Pietro Bello, 55 anni, il giostraio di Magenta trovato senza vita, con i polsi legati da fascette di plastica e avvolto in una coperta, nella soffitta dell’abitazione di Valle Mosso di Cristian Angileri, 39 anni, il netturbino finito in carcere per l’accusa di omicidio preterintenzionale. Secondo il superperito torinese Roberto Testi, Bello potrebbe essere morto asfissiato dal suo stesso sangue e non per le botte dell’indagato.
Valter Caneparo 

Leggi di più sull'Eco di Biella in edicola

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter