Da Biella vigili del fuoco e volontari sui luoghi del terremoto

Da Biella vigili del fuoco e volontari sui luoghi del terremoto
Cronaca 03 Novembre 2016 ore 10:33

Sono partiti martedi? pomeriggio da Fossato, incolonnati con gli altri mezzi della Protezione civile regionale, i primi quattro volontari biellesi inviati sulle zone del sisma in centro Italia dopo le ultime forti scosse dei giorni scorsi. «Si tratta di quattro autisti - spiega il coordinatore del gruppo provinciale di Biella, Gianni Bruzzese - che dovrebbero rientrare proprio in queste ore in citta?. La loro missione era legata alla consegna di un ospedale da campo che verra? montato poi dai volontari a Norcia. Il rientro e? stato reso piu? complicato a causa di una frana che si e? staccata lungo una delle strade che dovevano percorrere, ma non ce? stato comunque nessun pericolo». Ancora nessuna novita?, invece, per eventuali altre partenze da Biella. «Siamo sempre in attesa e allertati - sottolinea Bruzzese -, pronti a partire, aspettando disposizioni a livello regionale».

Il Posto di assistenza socio-sanitaria della Colonna mobile del Piemonte, che la Regione Umbria, attraverso il Dipartimento nazionale di Protezione civile, ha richiesto in supporto al lavoro delle proprie strutture, per garantire assistenza sanitaria di base e socio-sanitaria alle popolazioni colpite dal sisma, e? cosi? giunta a destinazione gia? nella giornata di ieri. A spostare camion e materiali e a e montare gli ambulatori sono stati 60 volontari del Coordinamento di Cuneo, supportati da diversi autisti provenienti da tutto il Piemonte, quattro dei quali da Biella, come detto. Pass e? composto di moduli, che consentono di fornire, con livelli crescenti di complessita?, la dotazione logistica, la strumentazione, gli ambulatori e il personale medico-infermieristico delle specializzazioni di medicina generale, pediatria, ginecologia e ostetricia consultoriale, fisioterapia, psicologia, assistenza sociale e presidio farmaceutico.

Enzo Panelli 

 

Sono partiti martedi? pomeriggio da Fossato, incolonnati con gli altri mezzi della Protezione civile regionale, i primi quattro volontari biellesi inviati sulle zone del sisma in centro Italia dopo le ultime forti scosse dei giorni scorsi. «Si tratta di quattro autisti - spiega il coordinatore del gruppo provinciale di Biella, Gianni Bruzzese - che dovrebbero rientrare proprio in queste ore in citta?. La loro missione era legata alla consegna di un ospedale da campo che verra? montato poi dai volontari a Norcia. Il rientro e? stato reso piu? complicato a causa di una frana che si e? staccata lungo una delle strade che dovevano percorrere, ma non c’e? stato comunque nessun pericolo». Ancora nessuna novita?, invece, per eventuali altre partenze da Biella. «Siamo sempre in attesa e allertati - sottolinea Bruzzese -, pronti a partire, aspettando disposizioni a livello regionale».

Il Posto di assistenza socio-sanitaria della Colonna mobile del Piemonte, che la Regione Umbria, attraverso il Dipartimento nazionale di Protezione civile, ha richiesto in supporto al lavoro delle proprie strutture, per garantire assistenza sanitaria di base e socio-sanitaria alle popolazioni colpite dal sisma, e? cosi? giunta a destinazione gia? nella giornata di ieri. A spostare camion e materiali e a e montare gli ambulatori sono stati 60 volontari del Coordinamento di Cuneo, supportati da diversi autisti provenienti da tutto il Piemonte, quattro dei quali da Biella, come detto. Pass e? composto di moduli, che consentono di fornire, con livelli crescenti di complessita?, la dotazione logistica, la strumentazione, gli ambulatori e il personale medico-infermieristico delle specializzazioni di medicina generale, pediatria, ginecologia e ostetricia consultoriale, fisioterapia, psicologia, assistenza sociale e presidio farmaceutico.

Enzo Panelli