stagione finita

"Cibo da buttare e fatturato a zero, il blocco sci influisce sull'indotto"

“Il blocco alla riapertura degli impianti sciistici, annunciato con pochissimo preavviso, manda all’aria anche l’ultima parte della stagione, ed è destinato ad avere effetti sull’intera economia

"Cibo da buttare e fatturato a zero, il blocco sci influisce sull'indotto"
Cronaca Valli Mosso e Sessera, 21 Febbraio 2021 ore 09:40

"Cibo da buttare e fatturato a zero, il blocco sci influisce sull'indotto".

La preoccupazione di Coldiretti

“Il blocco alla riapertura degli impianti sciistici, annunciato con pochissimo preavviso, manda all’aria anche l’ultima parte della stagione, ed è destinato ad avere effetti sull’intera economia che ruota intorno al turismo invernale in montagna”. E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento al nuovo rinvio della riapertura allo sci in zone gialle, deciso dal Ministro della Salute dopo il nuovo pronunciamento del Comitato tecnico scientifico.

Colpiti agriturismi e rifugi

“Da Alagna a Mera fino ad Oropa, la Valsesia e le montagne biellesi aspettavano con trepidazione l’arrivo dei turisti, ed avevano preparato le strutture seguendo le norme. Questo stop all’ultimo momento è una batosta che colpisce l’intero indotto delle vacanze in montagna, dall’alloggio alla ristorazione, dagli agriturismi ai rifugi, fino alle aziende agricole e agli allevatori che vendevano i loro prodotti ai turisti e che in questi mesi hanno subìto un calo di fatturato fino al 90%”, spiega Paolo Dellarole, presidente di Coldiretti Vercelli - Biella.

Il presidio del  territorio

Conclude Francesca Toscani, direttore di Coldiretti Vercelli – Biella: “Proprio dal turismo invernale dipende buona parte della sopravvivenza delle strutture agricole che con le attività di allevamento e coltivazione svolgono un ruolo fondamentale per il presidio del territorio contro il dissesto idrogeologico, l’abbandono e lo spopolamento della montagna. Con le presenze praticamente azzerate nel momento più importante della stagione, si guardava con speranza a quest’ultimo ultimo scorcio di inverno, seppur con il pesante limite allo spostamento tra regioni, ma le aspettative sono andate all’ultimo momento deluse”.