Cronaca
pericolo

Chiavazza chiede aiuto: "Edificio preso di mira dai vandali"

Due cittadini hanno scritto una lettera aperta alle istituzioni della città e ai giornali per segnalare atti di vandalismo nell'edificio di Via Cairoli 16

Chiavazza chiede aiuto: "Edificio preso di mira dai vandali"
Cronaca Biella Città, 20 Marzo 2022 ore 15:38

Chiavazza chiede aiuto: "Edificio preso di mira dai vandali"

Due cittadini hanno scritto una lettera aperta alle istituzioni della città e ai giornali per segnalare atti di vandalismo nell'edificio di Via Cairoli 16, angolo via Firenze ( antico cordificio Buratti) che si trova in totale stato di abbandono da molti anni e per il quale diversi residenti hanno ripetutamente richiesto interventi di messa in sicurezza, "puntualmente disattesi".

Rischio di incidenti gravi

"Nello specifico - spiegano - alcuni ragazzini sono entrati liberamente nell'edificio, spaccando vetrate, probabilmente con mattoni e pietre trovati in loco. Anche nella notte precedente c'erano stati schiamazzi e rumori che avevano allertato i cani del vicinato. Alle sollecitazioni degli abitanti i ragazzini si sono allontanati. Desideriamo evidenziare che  si tratta di episodi privi di intento aggressivo o violento, ma che si ripetono da tempo. L'edificio è diventato una sorta di 'parco giochi' per i ragazzini del quartiere, che vi sperimentano azioni di coraggio e sfida. La cosa però sta prendendo loro la mano e potrebbe sfociare in incidenti anche gravi: l'edifico è abbandonato da anni e sicuramente pericolante. Ci sono vetri rotti e detriti. Inoltre l'edificio è infestato da grossi ratti che ormai escono anche in strada, non solo di notte ed i ragazzini sostano o, scappando,  corrono in mezzo alla strada, con rischio di essere investiti dalle auto di passaggio".

L'appello

Poi l'appello al sindaco e all'amministrazione di Biella: "Vi preghiamo di conseguenza di voler intervenire senza ulteriori indugi, al fine di rendere inaccessibile l'edificio, di procedere con azioni di messa in sicurezza rispetto alla caduta di vetri e detriti dai tetti e dalle pareti, e di bonificare l'edificio dai ratti ( limitarsi a  mettere una trappola lungo la strada non ha portato ad alcun risultato)".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter