emergenza sanitaria

Caso sospetto di coronavirus negli uffici di Axerve al Lanificio Maurizio Sella risultato positivo al tampone

Gli uffici sono già stati sanificati. Limitati contatti con altri colleghi perché il gruppo Sella aveva già adottato tutte le precauzioni e lo smartworking .

Caso sospetto di coronavirus negli uffici di Axerve al Lanificio Maurizio Sella risultato positivo al tampone
Biella Città, 13 Marzo 2020 ore 20:44

Caso sospetto di coronavirus negli uffici di Axerve al Lanificio Maurizio Sella risultato positivo al tampone.

Caso sospetto di coronavirus negli uffici di Axerve

Ecco il comunicato stampa diffuso nel pomeriggio di oggi, venerdì 13 marzo 2020.

Il caso sospetto di contagio da Covid-19 relativo a un dipendente della società Axerve con sede a Biella, presso gli uffici dell’ex Lanificio Maurizio Sella, non a contatto con il pubblico, è risultato positivo al tampone.

Il gruppo Sella ha già provveduto alla sanificazione degli ambienti di lavoro ai quali il dipendente ha avuto accesso la scorsa settimana e ha informato i pochi colleghi che potrebbero aver avuto contatti con lui frequentando gli stessi spazi, e che attualmente sono a casa, per adottare tutte le misure necessarie d’intesa con le autorità sanitarie.

In questi giorni, infatti, i dipendenti degli uffici in questione sono già tutti in smartworking poiché il gruppo fin dall’inizio dell’emergenza sanitaria ha immediatamente predisposto tutte le iniziative necessarie a garantire il rispetto delle misure e delle raccomandazioni delle autorità competenti per il contenimento del contagio. In particolare è stato stabilito il ricorso allo smartworking e il collegamento da remoto in tutti i casi possibili, la compartimentazione degli spazi, la distribuzione di liquido igienizzante e il rispetto della distanza tra le persone.

ECO DI BIELLA EDIZIONE DIGITALE la tua copia a 0,99 euro

SU FACEBOOK ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO prima BIELLA

SU TWITTER SEGUI @ecodibiella

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità