anche a biella

Carcere, potenziale bomba sanitaria

Latente e da disinnescare mentre il sindacato denuncia: «Carenza dei dispositivi»

Carcere, potenziale bomba sanitaria
Biella Città, 30 Marzo 2020 ore 14:00

Carcere, potenziale bomba sanitaria.

L’allerta riguarda anche Biella

Il carcere è una potenziale bomba sanitaria con la miccia costantemente accesa. Che va per forza di cose disinnescata in tutti i modi. Ciò che sconvolge – e le continue grida d’allarme dei sindacati ne sono la conferma, per la penuria di mascherine e degli altri dispositivi di sicurezza individuale – è l’apparente superficialità con la quale viene affrontato il problema invece che fare di tutto per fermare una deflagrazione che farebbe molto male a tutti.

Un paese. Nella struttura penitenziaria di Biella, i detenuti sono circa 600, gli agenti di Polizia penitenziaria sono meno di 250: una popolazione che forma un paese di discrete dimensioni, come possono essere comuni tipo Netro o Castelletto Cervo o poco più di Donato, confinato in un territorio di poche decine di migliaia di metri quadrati dove rispettare la distanza sociale di un metro è quasi impossibile se si considera che ci sono celle spaziose a conti fatti come il salotto di una normale abitazione che ospitano tre/quattro persone ognuna. C’è pertanto di che aver paura. Guai, a conti fatti, se di colpo un discreto numero di detenuti si infettasse e avesse per forza di cose necessità di accedere alle strutture di terapia intensiva dell’ospedale di Ponderano. Sarebbe un disastro per tutti, una saturazione inopinata e impossibile da arginare.

ECO DI BIELLA EDIZIONE DIGITALE la tua copia a 0,99 euro

LE ALTRE NOTIZIE NELLA HOME

SU FACEBOOK ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO prima BIELLA

SU TWITTER SEGUI @ecodibiella

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno