il processo

Botte e insulti ai genitori durante il lockdown

Figlio violento condannato a un anno e nove mesi di reclusione.

Botte e insulti ai genitori durante il lockdown
12 Novembre 2020 ore 09:00

Botte e insulti ai genitori durante il lockdown. Figlio violento condannato a un anno e nove mesi di reclusione.

Botte e insulti ai genitori durante il lockdown

Stando al capo d’imputazione, papà e mamma dell’imputato sarebbero stati sottoposti a una serie inenarrabile di crudeltà, a partire dal mese di agosto del 2018 fino all’8 maggio scorso quando l’uomo era stato allontanato da casa ed era finito in custodia cautelare in carcere con un ordine del giudice.
Ieri mattina al termine del processo, il figlio violento, Pietro R., 44 anni, di Biella – difeso dall’avvocato Marco Romanello – è stato condannato a un anno e nove mesi di reclusione per i reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate nei confronti dei genitori, con il papà che ha superato gli ottant’anni e la mamma che ne ha una decina in meno.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità