il processo

Botte alla compagna, condannato da remoto

Pena di 18 mesi di reclusione oltre al risarcimento dei danni patiti dalla costituita parte civile che sono stati liquidati in complessivi 10mila euro oltre alle spese legali.

Botte alla compagna, condannato da remoto
Cronaca 15 Giugno 2021 ore 08:03

Imputato del reato di maltrattamenti in famiglia, era il convivente, Alessandro P., 48 anni, con residenza a Treviolo, in provincia di Bergamo (difeso durante il processo dall’avvocato Lucia Acconci che ha sostituito un collega di Bergamo).

Botte alla compagna

Nei giorni scorsi, l’uomo è stato condannato con rito abbreviato (che gli ha permesso di beneficiare di uno scontro di pena di un terzo), a 18 mesi di reclusione oltre al risarcimento dei danni patiti dalla costituita parte civile che sono stati liquidati in complessivi 10mila euro oltre alle spese legali.

Da remoto

Il processo si è tenuto mediante collegamento da remoto attraverso l’applicativo “Teams” per il solo imputato e il suo difensore, i quali si sono collegati dalla casa circondariale di Bergamo dove l’imputato è detenuto. Presente invece a Biella, in qualità di rappresentate dell’accusa, il sostituto procuratore Federico Carrai.

Leggi l'articolo completo su Eco di Biella in edicola