Menu
Cerca

Biker discriminato, si muove la Federazione

Chiesti chiarimenti sulla gara in cui un ragazzo autistico di Viverone non è stato fatto partire con gli altri.

Biker discriminato, si muove la Federazione
Basso Biellese, 21 Novembre 2019 ore 07:00

Biker discriminato, si muove la Federazione. Chiesti chiarimenti sulla gara in cui un ragazzo autistico di Viverone non è stato fatto partire con gli altri.

Biker discriminato

La vicenda di Andrea, il ragazzo autistico di Viverone a cui domenica scorsa non è stato consentito di partire con gli altri concorrenti di una gara di ciclocross a Serravalle Sesia a causa di un regolamento poco chiaro, è finito sul tavolo della Federciclismo nazionale. A chiedere spiegazioni, infatti, dopo il post pubblicato su Facebook dalla sua squadra, la Flower Bike di Villareggia, e alcuni articoli sui giornali, è stato il presidente regionale della federazione, Giovanni Vietri, che, attraverso una lettera, ha chiesto chiarimenti sulla vicenda. Ad attendere una rapida risposta è anche l’allenatore del team, Cristian Peterlin: «Domenica abbiamo una gara ad Acqui Terme – spiega – e vorremmo sapere come dovremo comportarci. Restiamo dell’idea che Andrea debba partire insieme a tutti gli altri».

Sotto accusa

I giudici di gara, domenica scorsa, hanno deciso che il ragazzo doveva correre da solo, partendo trenta secondi dopo i suoi coetanei. A quel punto i compagni di squadra si sono rifiutati di partire rimanendo al suo fianco.

«Con coraggio e mettendoci la faccia, tutti e dieci vanno in riunione tecnica e lo comunicano alla giuria – ha spiegato la squadra sui social – le altre squadre non sono d’accordo, conoscono Andrea da tre anni e chiedono di farlo partire come sempre, insieme agli altri, perché lui sa correre esattamente come i suoi coetanei. Niente, proprio non si può fare, perché lui è diverso dagli altri. La squadra abbandona la gara e decide di andare a festeggiare questa vittoria, perché avere il coraggio di “metterci la faccia” a 13-17 anni va considerata come una vittoria morale, un successo nella propria esperienza di vita. Come società e come educatori non possiamo che essere soddisfatti del lavoro fatto finora ed orgogliosi di questi ragazzi».

Leggi l’articolo completo su “Eco di Biella in edicola oggi, giovedì 21 novembre 2019

LEGGI ANCHE ALTRE NOTIZIE SUL SITO DI ECO DI BIELLA

SU FACEBOOK SEGUI anche la nostra pagina ufficiale Eco di Biella: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

SU TWITTER SEGUI @ECODIBIELLA

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli