Biella, pronto il piano neve

Biella, pronto il piano neve
Cronaca 22 Settembre 2016 ore 12:39

Vale poco più di 250mila euro il servizio di prevenzione da neve e ghiaccio sulle strade cittadine per l’inverno 2016/2017: la cifra è contenuta nella delibera che la giunta ha approvato nella seduta di lunedì 19 settembre. Come l’anno scorso la città è suddivisa in quattro zone: Ovest (Barazzetto, Vandorno, Cossila San Grato, Cossila San Giovanni e Favaro), Centro, Est (Chiavazza, Pavignano e Vaglio) e Sud (San Paolo, Masarone, Villaggio La Marmora, Oremo), scelte in modo da creare il rapporto ottimale tra le strade da rendere percorribili e i mezzi a disposizione. Ogni zona avrà un elenco di vie da ripulire con massima priorità, prime fra tutte quelle che collegano i presidi di pronto intervento, dalla caserma dei vigili del fuoco all’ospedale di Ponderano, alla viabilità principale. «La cifra totale» spiega l’assessore ai lavori pubblici Valeria Varnero «comprende una parte fissa di circa 50mila euro, che spetta comunque alle aziende che si aggiudicheranno il servizio, e una variabile, che dipende da quante uscite saranno necessarie durante la stagione fredda». Lo scorso inverno, particolarmente secco, portò a una spesa inferiore rispetto a quella preventivata. «Ma la cifra è comunque utilizzabile, proprio come accadde l'anno scorso, per piccole manutenzioni urgenti» sottolinea l'assessore. «Nell'ambito dello stesso appalto, in caso di minor impegno per liberare le strade dalla neve, possiamo chiedere all'azienda vincitrice di mettere mano alla risistemazione del manto stradale rovinato là dove serve. È accaduto per esempio, l'anno scorso, alla cubettatura di via Colombo».

Vale poco più di 250mila euro il servizio di prevenzione da neve e ghiaccio sulle strade cittadine per l’inverno 2016/2017: la cifra è contenuta nella delibera che la giunta ha approvato nella seduta di lunedì 19 settembre. Come l’anno scorso la città è suddivisa in quattro zone: Ovest (Barazzetto, Vandorno, Cossila San Grato, Cossila San Giovanni e Favaro), Centro, Est (Chiavazza, Pavignano e Vaglio) e Sud (San Paolo, Masarone, Villaggio La Marmora, Oremo), scelte in modo da creare il rapporto ottimale tra le strade da rendere percorribili e i mezzi a disposizione. Ogni zona avrà un elenco di vie da ripulire con massima priorità, prime fra tutte quelle che collegano i presidi di pronto intervento, dalla caserma dei vigili del fuoco all’ospedale di Ponderano, alla viabilità principale. «La cifra totale» spiega l’assessore ai lavori pubblici Valeria Varnero «comprende una parte fissa di circa 50mila euro, che spetta comunque alle aziende che si aggiudicheranno il servizio, e una variabile, che dipende da quante uscite saranno necessarie durante la stagione fredda». Lo scorso inverno, particolarmente secco, portò a una spesa inferiore rispetto a quella preventivata. «Ma la cifra è comunque utilizzabile, proprio come accadde l'anno scorso, per piccole manutenzioni urgenti» sottolinea l'assessore. «Nell'ambito dello stesso appalto, in caso di minor impegno per liberare le strade dalla neve, possiamo chiedere all'azienda vincitrice di mettere mano alla risistemazione del manto stradale rovinato là dove serve. È accaduto per esempio, l'anno scorso, alla cubettatura di via Colombo».