la storia

“Bara presa a martellate”. Parenti furiosi con i necrofori

Tutto nasce da una estumulazione.

“Bara presa a martellate”. Parenti furiosi con i necrofori
Biella Città, 20 Agosto 2020 ore 12:20

“Bara presa a martellate”. Parenti furiosi con i necrofori. Tutto nasce da una estumulazione.

“Bara presa a martellate”

“Allibiti, perplessi e disgustati”. Così si definiscono i familiari di una defunta che riposava nel cimitero di Biella Chiavazza. La loro lamentala è rivolta al “servizio prestato dal personale esterno al cimitero, che ha aperto la bara ancora intera”. Tutto nasce da una estumulazione, l’estrazione della salma di una loro parente dal proprio loculo, alla quale hanno assistito: “Nei giorni scorsi a noi familiari è stata comunicata l’estumulazione di una nostra cara parente al cimitero di Chiavazza – scrivono in una lettera firmata Stefano e Paola Voltarel, Andrea Voltarel e famiglia e Antonietta Sola”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno