la situazione a vigliano

Bar e take away, controlli e polemiche

Dopo una settimana da asporto, alcuni titolari preferiscono chiudere e aspettare norme meno severe

Bar e take away, controlli e polemiche
Grande Biella, 11 Maggio 2020 ore 14:00

Bar e take away, controlli e polemiche.

Alcuni soddisfatti, altri meno

Lunedì 4 maggio i bar hanno potuto riaprire con la formula del take away, letteralmente “porta via”, con tanto di prenotazione, anche soltanto di un caffè. Vietato il servizio al bancone, accomodarsi ai tavoli o consumare nei pressi del locale, soprattutto senza il rispetto delle distanze di sicurezza. I controlli, anche a Vigliano, sono stati rigidi da parte dei Carabinieri e della Polizia locale: «Ma, da parte dei vigili, non c’è stata alcuna sanzione – spiega il sindaco, Cristina Vazzoler – le verifiche sono state eseguite per dare le corrette indicazioni ai titolari delle attività sulle regole da rispettare in ambito sanitario. Capisco – sottolinea il primo cittadino – che diventa difficile anche per i gestori. Molti, infatti, hanno preferito aspettare prima di riaprire. Comunque la scelta della chiusura è solo di chi ha l’attività».
Ma il tradizionale caffè, il prodotto più consumato nei bar italiani, è la causa della chiusura di tanti bar, dopo che i titolari, speranzosi, avevano provato ad aprire i locali seguendo le regole per l’asporto.
C’è chi è riuscito ad adeguarsi velocemente alle nuove norme e chi ha preferito chiudere per evitare rischi e multe salate (si arriva fino alla chiusura del locale).

“Non ce la sentivamo”

Giorgia Milanaccio (foto), con il padre Nicola, a novembre dello scorso anno ha rilevato il bar Il Portico, in via Dante Alighieri vicino alla scuola media. Anche lei ha aperto il locale il 4 maggio, ma poi ha preferito chiudere subito: «Non riuscivamo a gestire le prenotazioni da parte dei clienti, chi passava in bicicletta, chi a piedi, chiedevano di poter prender un caffè ma dovevamo dire di no. Visto poi che si rischiavano multe salatissime e la chiusura del locale per 30 giorni. Ci siamo detti: abbiamo aperto per quattro mesi, poi per due mesi siamo rimasti chiusi per l’emergenza sanitaria, adesso corriamo anche il rischio della chiusura, non ce la sentivamo”.

Tutte le storie su Eco di Biella in edicola oggi

ECO DI BIELLA EDIZIONE DIGITALE la tua copia a 0,99 euro

LE ALTRE NOTIZIE NELLA HOME

SU FACEBOOK ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO prima BIELLA

SU TWITTER SEGUI @ecodibiella

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità