Sanità

Asl, prorogate le esenzioni. Ecco tutti i dettagli

Sono prorogate le esenzioni per reddito relativa alle condizioni E02 e la validità delle certificazioni relative alle esenzioni per patologia.

Asl, prorogate le esenzioni. Ecco tutti i dettagli
23 Ottobre 2020 ore 07:30

Asl, prorogate le esenzioni. Ecco tutti i dettagli. Sono prorogate le esenzioni per reddito relativa alle condizioni E02 e la validità delle certificazioni relative alle esenzioni per patologia.

Asl, prorogate le esenzioni

L’Asl di Biella fa sapere che  fino all’1 maggio 2021 sono prorogate le esenzioni per reddito relativa alle condizioni E02 (permane obbligo di comunicazione per le variazioni reddituali); e la validità delle certificazioni relative alle esenzioni per patologia.

E’ stata annunciata dalla Regione Piemonte la proroga dell’esenzione E02 e la proroga della validità delle certificazioni relative alle esenzioni per patologia, in riferimento al quadro delle norme e delle misure adottate a livello nazionale in conseguenza della situazione epidemiologica da COVID-19.

“Al termine del periodo di proroga – spiegano da Asl Bi- in assenza di nuove comunicazioni, il rinnovo delle esenzioni per patologia dovrà avvenire secondo le consuete modalità previste dalla normativa vigente.

In riferimento alle autocertificazioni degli assistiti concernenti l’esenzione per reddito relative alle condizioni E02, Asl evidenzia che rimane in capo all’Asl stessa l’obbligo di controllare il contenuto delle dichiarazioni sostitutive di certificazioni e degli atti di notorietà, verificando la veridicità dei dati e delle situazioni dichiarate dagli interessati.

Il dichiarante è tenuto a dare immediata comunicazione del venir meno, nel corso della validità del certificato, delle condizioni per beneficiare dell’esenzione, che le autocertificazioni rilasciate saranno oggetto di controllo e che, ove i controlli evidenzino l’insussistenza del diritto all’esenzione, l’Azienda sanitaria locale provvederà al recupero dell’ammontare della quota di partecipazione alla spesa a carico del cittadino da versare al Servizio Sanitario
Nazionale con riguardo alle prestazioni fruite indebitamente in regime di esenzione.

Il mancato pagamento delle somme dovute, in caso di esenzione per reddito, inibirà l’accesso a nuove prestazioni di specialistica ambulatoriale a carico del Servizio sanitario nazionale fino all’atto della regolazione del debito pregresso. In ogni modo occorrerà sottolineare che l’autocertificazione di dati non veritieri è perseguibile penalmente in
base”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità