Menu
Cerca

Applausi per il Finanziere campione di lancio del martello

Applausi per il Finanziere campione di lancio del martello
Cronaca 04 Marzo 2016 ore 11:14

Come già pubblicato nelle pagine dello sport di Eco di Biella il 22 febbraio scorso, l’Appuntato Marco Lingua, appartenente alla Compagnia di Biella della Guardia di finanza, si è aggiudicato il titolo di campione Italiano invernale di lanci lunghi, nella specialità del “lancio del martello”, nella sede del Campo Scuola Moreno Martini di Lucca, al termine di una lunga ed estenuante giornata di gare. Il militare (nella foto con il colonnello Ugo Raffaele Dallerice, comandante provinciale dellas Guardia di finanza), da quando presta servizio nel capoluogo laniero, è sempre riuscito a far conciliare il suo status di finanziere con quello di atleta che con ogni probabilità lo porterà a gareggiare per i colori italiani ai giochi olimpici di Rio de Janeiro 2016. Ai tricolori di Lucca, l’Appuntato Lingua ha lanciato il martello a 75,86 metri che si è rivelata poi essere la seconda misura al mondo del 2016. "E’ da rimarcare - puintualizza il colonnello Dallerice - come le medaglie nelle grandi competizioni rappresentino la sintesi dei valori morali dello sport che ben si integrano con quelli della lealtà e correttezza ai quali la Guardia di Finanza fa riferimento ogni giorno".

Come già pubblicato nelle pagine dello sport di Eco di Biella il 22 febbraio scorso, l’Appuntato Marco Lingua, appartenente alla Compagnia di Biella della Guardia di finanza, si è aggiudicato il titolo di campione Italiano invernale di lanci lunghi, nella specialità del “lancio del martello”, nella sede del Campo Scuola Moreno Martini di Lucca, al termine di una lunga ed estenuante giornata di gare. Il militare (nella foto con il colonnello Ugo Raffaele Dallerice, comandante provinciale dellas Guardia di finanza), da quando presta servizio nel capoluogo laniero, è sempre riuscito a far conciliare il suo status di finanziere con quello di atleta che con ogni probabilità lo porterà a gareggiare per i colori italiani ai giochi olimpici di Rio de Janeiro 2016. Ai tricolori di Lucca, l’Appuntato Lingua ha lanciato il martello a 75,86 metri che si è rivelata poi essere la seconda misura al mondo del 2016. "E’ da rimarcare - puintualizza il colonnello Dallerice - come le medaglie nelle grandi competizioni rappresentino la sintesi dei valori morali dello sport che ben si integrano con quelli della lealtà e correttezza ai quali la Guardia di Finanza fa riferimento ogni giorno".