Cronaca

Addio a Leopizzi, prefetto gentiluomo

Addio a Leopizzi, prefetto gentiluomo
Cronaca 15 Giugno 2017 ore 13:03

Si è spento martedì a Nardò, in provincia di Lecce, assistito fino all’ultimo con amore dalla moglie Franca e dai figli Giuseppe e Loredana, il prefetto Francesco Leopizzi, 80 anni, originario di Parabita, altro paese della parte a sud della Puglia. Leopizzi, considerato da tutti un vero gentiluomo, aveva svolto il compito di rappresentante del Governo a Biella dal 20 dicembre 2000 al 31 ottobre 2003. Era inoltre legato al Piemonte per aver studiato in un ginnasio della Valsesia.
Molto colto e preparato, dotato di particolare carisma e di grande disponibilità, aveva legato con tutti i dipendenti della Prefettura e con molti biellesi doc. Da qualche anno in pensione, Leopizzi ha lottato sino all’ultimo con una insidiosa malattia che, alla fine, lo ha debilitato. Nel corso della sua lunga carriera, ha risolto numerose vertenze di lavoro prodigandosi ogni volta per una soluzione positiva e risolutiva.
Valter Caneparo

Leggi di più sull'Eco di Biella di giovedì 15 giugno 2017

Si è spento martedì a Nardò, in provincia di Lecce, assistito fino all’ultimo con amore dalla moglie Franca e dai figli Giuseppe e Loredana, il prefetto Francesco Leopizzi, 80 anni, originario di Parabita, altro paese della parte a sud della Puglia. Leopizzi, considerato da tutti un vero gentiluomo, aveva svolto il compito di rappresentante del Governo a Biella dal 20 dicembre 2000 al 31 ottobre 2003. Era inoltre legato al Piemonte per aver studiato in un ginnasio della Valsesia.
Molto colto e preparato, dotato di particolare carisma e di grande disponibilità, aveva legato con tutti i dipendenti della Prefettura e con molti biellesi doc. Da qualche anno in pensione, Leopizzi ha lottato sino all’ultimo con una insidiosa malattia che, alla fine, lo ha debilitato. Nel corso della sua lunga carriera, ha risolto numerose vertenze di lavoro prodigandosi ogni volta per una soluzione positiva e risolutiva.
Valter Caneparo

Leggi di più sull'Eco di Biella di giovedì 15 giugno 2017