In mezzo alla campagna

A spacciare droga guadagnavano 15mila euro al giorno: arrestati dalla Polizia

Tra i "clienti" più affezionati anche dei biellesi che sono stati identificati. Sei le persone arrestate per spaccio.

A spacciare droga guadagnavano 15mila euro al giorno: arrestati dalla Polizia
Cronaca Biella Città, 17 Agosto 2021 ore 13:12

A spacciare droga guadagnavano 15mila euro al giorno: arrestati dalla Polizia. La Polizia di Stato di Vercelli, al termine una prolungata e articolata indagine coordinata dalla locale Procura della Repubblica presso il Tribunale, ha arrestato 6 soggetti (4 marocchini e due italiani), dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti. Nel corso dell’attività di polizia giudiziaria, sono stati identificati circa 30 soggetti, acquirenti della droga, provenienti dalle province di Vercelli, Novara, Biella e Verbania, i quali fornivano elementi utili per il prosieguo dell’indagine ed ai quali venivano sequestrate numerose dosi di stupefacenti poco prima acquistate.

L'attività della Polizia

L’attività investigativa ha preso avvio nel maggio scorso quando i poliziotti della Squadra Mobile, nell’ambito dell’attività info-investigativa, sono venuti a conoscenza dell’esistenza di un lucroso mercato di droga, dopo quelli già chiusi nel 2020 con le operazioni “Aquila Nera” e “Scimbla”. Tale fiorente mercato si era sviluppato nelle zone boschive dei comuni al confine tra le Province di Vercelli e di Novara, nei pressi del fiume Sesia ed era gestito da un sodalizio composto da soggetti italiani e marocchini.  Tra questi venivano tratti in arresto 2 soggetti italiani per detenzione di sostanze stupefacenti.

Al giorno 15mila euro di guadagno

L’indagine, particolarmente difficoltosa e complessa per le impervie zone boschive teatro degli episodi di spaccio e per la accortezza posta in essere dagli spacciatori con vedette utilizzate per segnalare l’eventuale presenza in zona delle Forze dell’Ordine, ha permesso di accertare, anche tramite i numerosi sequestri di stupefacente, che durante una giornata “lavorativa”, gli spacciatori arrivavano a guadagnare anche 15mila  euro al giorno.