allarme coronavirus

A Biella, cosa si può fare e cosa no

Sospesi eventi, chiusi teatri, cinema e musei. Rispetto delle distanze fisiche ovunque

A Biella, cosa si può fare e cosa no
Biella Città, 09 Marzo 2020 ore 07:00

A Biella, cosa si può fare e cosa no.

Effetto coronavirus

Non solo nelle zone rosse, ma tutti i cittadini italiani devono rendersi parte attiva in questa fase di emergenza sanitaria. Il prezzo da pagare è una temporanea limitazione della libertà personale all’unico scopo di salvaguardare il bene più prezioso, la salute di tutti. Per contenere il diffondersi del contagio da coronavirus il decreto dell’8 marzo (testo integrale su www.primabiella.it) firmato dal presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte non riguarda infatti soltanto la Lombardia e le 14 province del Nord e Centro Italia: nel testo sono contenute norme che riguardano tutta l’Italia.

L’art.2 del decreto, Misure per il contrasto e il contenimento sull’intero territorio nazionale del diffondersi del virus Covid-19, dispone particolari restrittive per tutto il territorio nazionale: si va dalla chiusura di cinema e teatri, alla sospensione di manifestazioni ed eventi sia pubblici sia privati. Quindi, per ciò che riguarda la Provincia di Biella, ecco cosa si può o non si può fare fino al 3 aprile.

Lavoro

Il decreto sospende tutti «i congressi, le riunioni, i meeting e gli eventi sociali» ai quali avrebbero dovuto partecipare personale sanitario o legato a servizi di pubblica utilità. Ogni attività «convegnistica o congressuale», va rinviata.

Tempo libero

Dovranno chiudere fino al 3 aprile, altrimenti si rischia la sospensione dell’attività, i pub, le scuole di ballo, le sale giochi, i centri scommesse, le sale bingo e le discoteche.

Tutti i dettagli in edicola oggi su Eco di Biella.

ECO DI BIELLA EDIZIONE DIGITALE la tua copia a 0,99 euro

LE ALTRE NOTIZIE NELLA HOME

SU FACEBOOK ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO prima BIELLA

SU TWITTER SEGUI @ecodibiella

 

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità