Attualità
la storia

Un progetto Uisp a Biella per ballare senza barriere

Uisp Biella realizzerà nei prossimi mesi, un corso di danza aperto a persone con disabilità, sia in carrozzina che deambulanti

Un progetto Uisp a Biella per ballare senza barriere
Attualità Biella Città, 22 Gennaio 2023 ore 12:32

Un progetto Uisp a Biella per ballare senza barriere

Ballando senza barriere” è il nome del progetto pilota che il comitato Uisp Biella realizzerà nei prossimi mesi, un corso di danza aperto a persone con disabilità, sia in carrozzina che deambulanti. “Sabato 14gennaio c’è stato il primo incontro per illustrare il progetto, a cui hanno partecipato ragazzi e ragazze con disabilità che fanno attività con diverse associazioni del territorio. C’è stato anche spazio per una prova vera e propria. Si tratta, infatti, della prima iniziativa di questo genere sul territorio”, spiega Piermario Garbino, presidente Uisp Biella, che ha partecipato alla presentazione.

Ecco chi è coinvolto

Secondo quanto si legge sul sito nazionale Uisp, l’affiliata Uisp Asd Centro Integrazione Sportiva è l’associazione di riferimento per questa iniziativa, dove già si praticano diversi sport inclusivi per persone con disabilità, e la sua presidente, Michela Aruni Biolcati, l’ideatrice del progetto, si è attivata in prima persona per mettere assieme le energie necessarie: “Ho coinvolto Francesca Gherra, un’insegnante della palestra Intrecci che ha l’abilitazione per la danza paralimpica, e Simone Malatino, danzatore affermato in questo campo e maestro, con cui abbiamo messo a punto le basi dell’attività. Dopo aver deciso la data, ho invitato Anpas-Associazione nazionale persone autistiche, Anffas, Uici, Arcobaleno, Angsa-Associazione nazionale genitori perSone con autismo a questo evento in cui abbiamo spiegato e mostrato cos’è la danza paralimpica con una dimostrazione pratica, un'ora in cui tutti hanno potuto ballare: la partecipazione ci ha sorpreso, c’erano oltre 20 ragazzi e ragazze”.

La storia di Michela Aruni Biolcati

Biolcati, ex ginnasta e danzatrice, è allenatrice presso il suo centro ma è anche atleta paralimpica, parteciperà infatti ai mondiali di nuoto pinnato dell’anno prossimo. “Il progetto parte, in un certo senso, dall’esigenza personale di uno spazio in cui poter ballare, pur necessitando di farlo in carrozzina - prosegue Biolcati - ma aprire una scuola di questo tipo significa di più: qui potranno trovare uno spazio per danzare anche le persone con altre disabilità, ad esempio psichiche, oltre a persone che semplicemente desiderano entrare in contatto con questo mondo”. Tuttavia, spiega l’atleta, è necessario creare le condizioni affinché il progetto decolli, anzitutto trovando i finanziamenti necessari all’affitto di uno spazio adeguato e accessibile, senza gravare eccessivamente sugli iscritti. La speranza è che, dunque, oltre al supporto dell'Uisp, il progetto ottenga un aiuto da istituzioni locali e fondazioni, oltre che dalle associazioni coinvolte.

Seguici sui nostri canali