Emergenza

Tremila biellesi senza il reddito di cittadinanza, si corre ai ripari

Rdc abolito: lo ricevevano 3mila biellesi, oggi “Assegno” per meno della metà. Il Sistema Biella tenta di correre ai ripari: un coprogetto della Crb da oltre 200mila euro

Tremila biellesi senza il reddito di cittadinanza, si corre ai ripari
Pubblicato:

Fragili, senza lavoro, con difficoltà: un segmento di popolazione che cresce e che l’abolizione del Reddito di cittadinanza ha reso ulteriormente visibile. Nel maggio del 2023 erano 2997 i biellesi che ricevevano il Rdc (546,16 Euro l’assegno mensile medio), oggi non si sa ancora quanti di questi - molti meno - riceveranno il più basso Assegno di inclusione introdotto dal governo Meloni in alternativa.

Soggetti fragili, senza reddito e lavoro

«L’abrogazione del Reddito e l’introduzione dell’Assegno ha fatto sì che, se a luglio 2023 a Biella registravamo circa 740 nuclei beneficiari di Reddito, oggi sono meno della metà. Solo 18 sono i cosiddetti occupabili che riceveranno, durante la formazione, 350 euro mensili e per il solo periodo di frequenza ad un corso di formazione e per un massimo di 12 mensilità». Isabella Scaramuzzi, assessore alle Politiche sociali in città, pur concordando sulla diversa concezione fra Rdc e Adi e sulla necessità di rivedere la platea dei beneficiari, non nasconde i problemi: «Facciamo il possibile per costruire modalità operative affinché le persone occupabili possano accedere agevolmente a percorsi di formazione e di politiche attive del lavoro, affinché lo svantaggio, soprattutto per le classi più giovani, non si ripresenti in modo cronico», ma «non credo possano essere risolutivi i supporti come il trasporto o la promozione della rete di buon vicinato».

E sulla stessa lunghezza d’onda si esprimono anche i consorzi sociali biellesi - Iris e Cissabo (vedi in alto). Prese di posizione emerse ieri pomeriggio a Palazzo Gromo Losa al convegno promosso dalla Fondazione Cassa di risparmio per rendicontare il progetto “Seminare comunità 2.0” e per presentare una nuova azione di coprogettazione indirizzata proprio a quella che pare essere diventata l’emergenza più pressante: l’occupazione dei fragili senza più il paracadute sociale del Rdc.

Servizio completo in edicola oggi, giovedì 21 marzo, su Eco di Biella.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali