Attualità
Il caso

Test di gravidanza per poter partecipare al concorso da commissario dei vigili urbani

Il sindacato: "Non è accettabile. E' illegittimo e discriminatorio".

Test di gravidanza per poter partecipare al concorso da commissario dei vigili urbani
Attualità 15 Giugno 2022 ore 08:30

Vuoi partecipare al concorso da commissario dei vigili urbani? Devi avere il test negativo di gravidanza! E' quanto è stato richiesto in due comuni del Torinese, Vigone e Torre Pellice.

Per partecipare al concorso serve il test di gravidanza

Per questi due fatti, il sindacato di polizia (capitanato dalla dirigente nazionale CSA Loredana Cristino) e  dell'avvocato Vittorio Barosio, esperto di diritto amministrativo, ha minacciato di fare un esposto alla Procura, in quanto viene considerato un gesto illegittimo, discriminatorio e inutile nei confronti delle donne che vogliono svolgere la mansione.

"Chiedere a una candidata per un posto di vigile urbano il test di gravidanza è discriminatorio", ha fatto sapere dalle colonne del quotidiano "La Stampa", Loredana Cristino.

 Il motivo del test

Il test di gravidanza viene chiesto in vista di una prova atletica, i 1.000 metri da correre entro i 6 minuti e 30 secondi, per le donne.

"Il bando non assegna - dice l'avvocato Vittorio Barosio - agli aspiranti vigili funzioni tali da richiedere come requisito di ammissione al concorso una prova di efficienza fisica consistente nel poter correre 1.000 metri, e per di più in un tempo limitato. Mi pare quindi che la fissazione di questo requisito non sia legittima".

Lo riporta Prima Torino

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter