Attualità
Contro la pandemia

Stipendio sospeso dopo 5 giorni per chi non ha il Green pass

L'obbligo legato alla certificazione verde esteso a tutti i lavoratori, sia pubblici che privati, dal 15 ottobre.

Stipendio sospeso dopo 5 giorni per chi non ha il Green pass
Attualità 16 Settembre 2021 ore 14:04

Fra poche ore, al termine del Consiglio dei Ministri in programma nel pomeriggio di oggi, giovedì 16 settembre 2021, la terza evoluzione in tema Green pass sarà definita.

Dopo l'introduzione del lasciapassare a fine luglio e l'integrazione agostana per i dipendenti del settore scolastico, il premier Mario Draghi tira dritto: l'obbligo legato alla certificazione verde sarà esteso a tutti i lavoratori, sia pubblici che privati. Il tutto a partire dal 15 ottobre.

In pratica, restano fuori solo pensionati, casalinghe, disoccupati e studenti fino alle superiori.

Stipendio sospeso senza Green pass

Nel decreto previste sanzioni anche severe, ma non il licenziamento.

Ma in ogni caso, dopo cinque giorni di assenza ingiustificata, il rapporto di lavoro sarà sospeso senza retribuzione e altri compensi.

Non sarà considerata una sanzione disciplinare, ma per la riammissione in servizio bisognerà ottenere il Green pass.

Come saranno effettuati i controlli

Al momento dell’ingresso chi non ha il green pass non potrà essere ammesso all’interno delle aziende e viene considerato assente ingiustificato.

La procedura per i dipendenti pubblici e per quelli privati sarà nè più nè meno di quella attualmente già testata per il personale scolastico.

I vertici aziendali designeranno un capo ufficio o un capo reparto preposto al controllo all'ingresso (potrà essere anche chiesta una verifica dell'identità, ma anche della data di vaccinazione o di effettuazione del tampone per capire se il lasciapassare è ancora valido).

Le sanzioni i lavoratori senza Green pass

Le sanzioni per il settore pubblico e privato saranno probabilmente le stesse.

La violazione dell’obbligo di avere il certificato sarà punita con una multa che oscilla tra i 400 e i 1.000 euro e potrà essere aumentata in caso di contraffazione del documento.