Attualità
Scuola

Sette borse di studio per ricordare la compianta maestra di Valdilana Mariella Barberis Negra

L'associazione Delfino ha raccolto 3500 euro per commemorare l'insegnante e consegnare aiuti economici ad alcuni studenti.

Sette borse di studio per ricordare la compianta maestra di Valdilana Mariella Barberis Negra
Attualità Elvo, 07 Dicembre 2022 ore 10:23

Sette borse di studio da 500 euro l'una assegnate ad altrettanti studenti e studentesse di Valdilana che avevano bisogno di un aiuto per proseguire in modo più tranquillo la loro carriera scolastica. E' questo il risultato dell'iniziativa avviata a settembre dall'associazione Delfino di Valdilana per ricordare Mariella Barberis Negra, per molti anni volontaria nella stessa associazione ed ex insegnante di lettere alle scuole medie di Trivero. Mariella Barberis era morta a 71 anni nello scorso agosto.

«Per ricordarla e per dare un aiuto concreto al territorio, l'associazione Delfino aveva lanciato una raccolta di fondi aperta a tutti - spiega il presidente Ernesto Giardino - l'obiettivo era quello di raccogliere denaro da devolvere a studenti residenti in paesi, meritevoli, ma le cui famiglie - diciamo così - non navigano nell'oro. E avrebbero certamente fatto buon uso dell'aiuto. Abbiamo lanciato l'idea e il riscontro è stato davvero ottimo. Sono state decine le persone che hanno fatto versamenti di varia entità sul nostro conto corrente: per molti di loro è stata una bella occasione di ricordare la professoressa Barberis facendo anche un gesto concreto per il territorio».

Alla fine, anche il Delfino ha dato un proprio contributo economico e si è raggiunta la cifra di 3500 euro, che ha permesso quindi di erogare sette borse di studio. «I ragazzi e le ragazze che hanno ricevuto questo contributo - aggiunge il presidente - sono studenti tra la seconda media e la prima superiore, tutti residenti a Valdilana. Ci ha fatto piacere dare una mano ai nostri ragazzi, a cui facciamo i migliori auguri per un proficuo proseguimento del loro corso di studi. Da ultimo, ringraziamo di cuore tutti coloro che hanno contribuito a finanziare questa iniziativa: senza dubbio Mariella ne sarebbe stata felice».

Seguici sui nostri canali