Attualità
Inquinamento

Quaregna: no all'inceneritore di Cavaglià

Il sindaco Katia Giordani: «La scelta non è politica ma etica: l'inquinamento va combattuto».

Quaregna: no all'inceneritore di Cavaglià
Attualità Cossatese, 22 Marzo 2022 ore 17:19

Tra i punti all'ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale di Quaregna Cerreto, indetto il prossimo martedì, ve ne è uno relativo alla costruzione di un inceneritore a Cavaglià. Fra le varie discussioni relative al bilancio ed un adesione alla "convenzione dei Comuni Tra Barraggia e Bramaterra", il sindaco Katia Giordani e la sua giunta, infatti, si dichiareranno contrari alla possibilità che vengano bruciati dei rifiuti a poco più di 30 chilometri di distanza. Il motivo? La lotta all'inquinamento.

«Anche alla luce della recente mozione della Regione - ha spiegato Katia Giordani - non si può che non schierarsi contro nuove possibili fonti di inquinamento. La mia non è una decisione politica ma una scelta etica. Il progetto che è stato presentato illustra un impianto con capacità di bruciare 250 mila tonnellate di rifiuti, un numero ben più grande delle 18 tonnellate necessarie ai comuni del Biellese».

Seguici sui nostri canali