Attualità
ACCOGLIENZA

"Pur di aiutare i nostri alunni ucraini, maneggiamo testi scritti in cirillico"

Profughi in classe. Un’insegnante biellese racconta: "È complesso, ci proviamo per loro".

"Pur di aiutare i nostri alunni ucraini, maneggiamo testi scritti in cirillico"
Attualità Biella Città, 16 Aprile 2022 ore 16:00

Profughi in classe. Un’insegnante biellese racconta: "È complesso, ci proviamo per loro".

Il racconto

Sono isole felici che scambiano le terribili immagini della guerra con quelle dei volumi illustrati: geografia, arte, musica. Ma per le scuole, chiamate a garantire ai giovani ucraini giunti sul territorio una parvenza di normalità, non è facile. Ci provano, con ogni mezzo. E quando un compito è ben svolto e il risultato arriva, non si può che esultare.

Questo racconta Eleonora Veneri, che insegna scienze e matematica alla scuola media di Candelo: «Non so come, ma anche l’allieva ucraina ha fatto il compito di scienze!». Una conquista che mostra molto di più, ovvero come si sta lavorando in ambito scolastico per i nuovi allievi: pochi mezzi e tanto impegno.

«Nel nostro Istituto Comprensivo, l’Ic Candelo-Sandigliano, sono arrivati tre alunni ucraini, una di loro frequenta la mia classe - spiega l’insegnante - Al suo arrivo, circa quindici giorni fa, ricordo che è subito corsa a occupare il banco vuoto e sul banco ha trovato evidenziatori, quaderni, le scarpe per educazione fisica che le hanno regalato i compagni. Tra di loro, i ragazzi si inseriscono con facilità. Per le lezioni è tutto più difficile: nel nostro istituto fortunatamente abbiamo una collega di inglese che è anche interprete di russo, mentre noi per comunicare usiamo l’inglese oppure la traduzione su internet con l’ucraino, ma non disponiamo di tastiere in cirillico dunque la mia allieva è limitata nell’esprimersi».

Eppure, quell’erbario di botanica, assegnato alla classe, le è arrivato:

«Mi sono commossa. E pensare che sono facilitata, i numeri sono numeri per tutti».

Ma non le materie, né le classi:

«I due sistemi scolastici sono molto diversi. Ma ci proviamo: sto scorrendo libri pdf, in cirillico, trovati grazie a una rete tra “prof”, e riporto gli argomenti che credo possano corrispondere. Usiamo Lim, telefoni, gesti. Ce la mettiamo tutta per questa emergenza. Lo facciamo per questi bambini».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter