Attualità
Bollette

Prescrizione bollette luce e gas: nuova sentenza fa chiarezza sulle regole

Giudice di Pace di Milano, con Sentenza n. 2017/2022, con la quale ha stabilito che il giorno in cui inizia a decorrere il termine di prescrizione non è quello in cui viene emessa la bolletta di conguaglio, ma quello in cui "il diritto possa essere fatto valere

Prescrizione bollette luce e gas: nuova sentenza fa chiarezza sulle regole
Attualità 31 Marzo 2022 ore 09:17
Cronaca Milano e Nazionale: attenzione al termine di prescrizione delle bollette di luce e gas, perché molto spesso le società di fornitura approfittano dalla mancanza di conoscenze del consumatore in merito per chiedergli pagamenti che in realtà non sono dovuti.

Bollette luce e gas

Come sappiamo in tema di bollette di conguaglio la Legge n. 205 del 27 dicembre 2017 (art. 1, commi da 4 a 10) ha previsto che nei contratti di fornitura di energia elettrica, gas e servizio idrico il diritto al corrispettivo si prescriva in due anni, limitandone però l’ambito di applicazione alle sole fatture con scadenza successiva al 1° marzo 2018 per il settore elettrico, al 1° gennaio 2019 per il settore gas e al 1° gennaio 2020 per settore idrico.

Ma da quale momento si calcolano i due anni?

A far luce su questo ci ha pensato il Giudice di Pace di Milano, con Sentenza n. 2017/2022, con la quale ha stabilito che il giorno in cui inizia a decorrere il termine di prescrizione non è quello in cui viene emessa la bolletta di conguaglio, ma quello in cui "il diritto possa essere fatto valere".
Ma cosa significa questo? Codacons: "Vuol semplicemente dire che le società di fornitura non possono spostare in avanti l'inizio del conteggio della prescrizione a loro piacimento, emettendo in ritardo la bolletta di conguaglio - afferma il Presidente Nazionale del Codacons, Marco Donzelli - ma tale termine, a prescindere da quando la bolletta sia stata emessa, decorre dal giorno in cui il fornitore per il tramite dei letturisti della società di distribuzione può eseguire la lettura dei consumi dal contatore.
Avete anche voi ricevuto bollette di conguaglio e non siete sicuri che i conteggi fatti siano corretti? Contattateci per avere consulenza e assistenza legale."
Ufficio Stampa Codacons Lombardia: 346/6940183
consulenze@codaconslombardia.it- 02/29419096
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter