Attualità
LA STORIA

Novelli sposi biellesi in udienza dal Papa

Il presidente del consiglio comunale di Valdilana Lorenzo Mirabile e la moglie Giorgia Scarpellino: «Stringere la mano a Papa Francesco è stata un’emozione unica e indescrivibile».

Novelli sposi biellesi in udienza dal Papa
Attualità Valli Mosso e Sessera, 31 Dicembre 2022 ore 19:00

Il presidente del consiglio comunale di Valdilana Lorenzo Mirabile e la moglie Giorgia Scarpellino: «Stringere la mano a Papa Francesco è stata un’emozione unica e indescrivibile».

L'udienza

E’ stata un’emozione unica quella vissuta da due biellesi, che a pochi giorni dal Natale, hanno partecipato all’udienza papale come novelli sposi. Un’emozione che il presidente del consiglio comunale di Valdilana, Lorenzo Mirabile, 30 anni, di Trivero, e la consorte, Giorgia Scarpellino, 29 anni, di Pralungo, non dimenticheranno mai. «Stringere la mano del Papa – racconta Mirabile – è stato incredibile».

L’idea di fare domanda per partecipare all’udienza papale è stata della suocera di Mirabile: «E’ stata la mamma di Giorgia – racconta il presidente del consiglio comunale di Valdilana – a farci scoprire che per i novelli sposi c’era questa possibilità. Entro tre mesi dal matrimonio si poteva partecipare. Noi ci siamo sposati il 24 settembre, quindi fino a Natale rientravamo nei tempi previsti. Ci siamo informati ulteriormente tramite don Ezio, parroco di Pralungo e don Claudio, parroco di Trivero. Sono stati loro a informarsi sulle modalità di presentazione della domanda tramite la segreteria del Vescovo».

Partenza

Martedì 20 dicembre Lorenzo e Giorgia, insieme ai loro genitori e alle nonne, sono partiti alla volta di Roma, per poi partecipare, il giorno seguente, mercoledì 22 dicembre, all’udienza papale. «Noi – racconta Mirabile - eravamo seduti nelle prime file, a pochi metri dal Papa. Inoltre anche i nostri famigliari hanno potuto partecipare, tra il pubblico. Eravamo vestiti da sposi. Oltre a noi c’erano altre 30 coppie provenienti da tutto il mondo: dalla Spagna, dal Messico, un po’ da ogni dove».

L’udienza è durata un’ora e mezza circa: «Papa Francesco ha parlato del Natale – racconta ancora Mirabile – e della guerra. Poi rivolto a noi sposi ha spiegato il significato del matrimonio, di sposarsi e di costruire una famiglia». Il Papa ha fatto il suo discorso in Italiano e spagnolo, poi le stesse parole sono state tradotte in altre cinque lingue. Al termine Papa Francesco ha salutato uno a uno gli sposi: «Il Papa è una figura sempre vicina a noi – spiega Lorenzo Mirabile - ma nello stesso tempo in un certo qual modo anche lontana. Lo vediamo in televisione, mai avrei pensato di poterlo incontrare. Stringergli la mano è stato incredibile, un’emozione che ricorderò davvero per tutta la vita».

Al termine dell’udienza Papale Lorenzo Mirabile e la sua Giorgia hanno scattato qualche foto fuori da Piazza San Pietro: «Il vestito da sposo mi entrava ancora – scherza Lorenzo – nonostante in questi mesi abbia mangiato parecchio. E quando mi ricapiterà più di essere vestiti così in piazza San Pietro? Qualche scatto era d’obbligo, saranno certamente ricordi da custodire nel futuro, per quando saremo in avanti con gli anni».

A casa per Natale

Il 22 dicembre i due novelli sposi sono rientrati a casa per festeggiare il Natale in famiglia. Giusto il tempo di un brindisi allo scoccare della mezzanotte di sabato sera e domenica partiranno per la luna di miele negli Stati Uniti, con nel cuore e nella mente momenti che non scorderanno mai.
Shama Ciocchetti

Seguici sui nostri canali