Agricoltura

Lotta al coleottero giapponese popilia: trappole e insetticida in 2.400 località del Piemonte

Questo aggressivo insetto distrugge le coltivazioni intensive e gli alberi da frutta. La strategia della Regione per il contenimento.

Lotta al coleottero giapponese popilia: trappole e insetticida in 2.400 località del Piemonte
Attualità 04 Agosto 2021 ore 16:20

Controllare la diffusione del coleottero giapponese popilia japonica per salvare le coltivazioni del Piemonte: pronto un piano di contenimento (sterminio) di questi terribili insetti che divorano piante da frutta e ortaggi con una voracità incredibile. La Regione Piemonte, in collaborazione con Ipla (Istituto per le Piante da Legno e l’Ambiente ha attivato il Piano di controllo della popillia.

Lotta al coleottero

Sul territorio vengono utilizzate due tipologie di trappole, quelle a forma di ombrello coperto da rete insetticida (sono 2.400 in regione) per l’abbattimento diretto degli adulti e quelle a cattura (in numero più ridotto) per monitorare l’andamento delle larve.

Al tempo stesso sono stati effettuati oltre 800 controlli, e altri sono in corso, dei siti definiti di diffusione come ad esempio i parcheggi di auto e camion, i piazzali di carico e scarico, le stazioni di rifornimento carburante, le isole ecologiche, le aree pic-nic. Qui se necessario vengono effettuati sfalci della vegetazione o trattamenti insetticidi.

Inoltre sono in corso i controlli visivi in tutti i comuni in zona cuscinetto (zona con raggio di 10 km  che circonda quella infestata ovvero la zona focolaio) per verificare la presenza dell’insetto, con 1.268 punti di osservazione ad oggi. Proseguono anche le sperimentazioni in vigneto per trovare strategie di lotta efficaci, compresa la messa a punto di un prototipo per la cattura degli esemplari adulti in vigneto in collaborazione con l’Università di Torino.

Il sito

Oltre al piano regionale di controllo l’Assessorato all’Agricoltura della Regione intensifica le informazioni attraverso il sito della Regione Piemonte e i canali social ufficiali, rivolgendosi ad agricoltori e viticoltori su che cosa si deve fare per combattere questa bestia grama. Anche i cittadini possono ottenere informazioni utili per debellare l’insetto presente nei giardini e negli orti anche di piccole dimensioni. Maggiori info cliccando qui.

Così l'assessore regionale Marco Protopapa:

“La lotta della Regione Piemonte alla popillia deve trovare anche il sostegno della collettività poiché non si limita alle colture agrarie ma riguarda anche le aree verdi comunali, gli orti e i giardini dei privati, per questo la Regione invita i cittadini a segnalare la presenza dell’insetto laddove non ancora ritrovato e richiede la collaborazione dei Comuni e degli enti locali nel diffondere le indicazioni su come agire per il suo contenimento”.