Attualità
IL CASO IN TIVù

Incinta, cade da cavallo e si rompe il bacino: il bambino è nato e sta bene

La storia di Luisa Donato e del piccolo Riccardo ha portato l'ospedale di Biella, ieri sera, sulla TgR Piemonte. 

Incinta, cade da cavallo e si rompe il bacino: il bambino è nato e sta bene
Attualità Biella Città, 19 Febbraio 2022 ore 08:00

Quella che poteva essere una tragedia ma si è rivelata una lezione di speranza e fiducia nella medicina ha portato l'ospedale di Biella, ieri sera, sul piccolo schermo alla TgR Piemonte.

La storia

"Mi ricordo i momenti passati in ospedale senza alcuna idea negativa", ha raccontato la biellese Luisa Donato, 29 anni, mentre stringe tra le braccia il piccolo Riccardo, un mese.

Sono l'orgoglio del reparto di Ostetricia e Ginecologia dell'ospedale di Biella, spiega nel servizio la giornalista Rai Laura Preite: la donna era incinta di sette settimane, quando un cavallo che stava allenando è inciampato e le è caduto addosso. Un incidente che le ha procurato la frattura del bacino in più punti. La paura è stata forte, soprattutto per il piccolo, che doveva nascere.

Due operazioni e poi la fisioterapia, con il timore che le radiazioni e i farmaci possano far male al feto. Ma non è stato così.

"Luisa si è fidata di noi e della scienza", è stato il commento della dottoressa Bianca Masturzo, direttore del reparto di Ostetricia del Degli Infermi.  "Quel che è stato fatto è un percorso di analisi di secondo livello, un supporto che è culminato nel ricovero e un tifo notevole di tutto il gruppo delle ostetriche".

Bianca Masturzo, direttore del reparto di Ostetricia dell'ospedale Degli Infermi di Biella

Un risultato nato da un lavoro di collaborazione anche con la Radiologia, ha sottolineato il dottor Walter Daghino, direttore della Struttura Complessa di Ortopedia e Traumatologia.

"Adesso sto bene e il mio bambino sta bene. Sono fortunata", ha chiosato la mamma.

Per vedere il servizio della TgR Piemonte completo cliccare qui.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter