Attualità
novità

Il superbonus per i rifugi: piccola boccata d'ossigeno per il settore

Si tratta di un credito d'imposta fino all'80% e di un contributo a fondo perduto fino al 50%

Il superbonus per i rifugi: piccola boccata d'ossigeno per il settore
Attualità Valli Mosso e Sessera, 20 Febbraio 2022 ore 09:00

Il superbonus per i rifugi: piccola boccata d'ossigeno per il settore

"I rifugi alpini ed escursionistici (inclusi in apposito elenco istituito dalla Regione o dalla Provincia autonoma) possono beneficiare degli incentivi, in quanto imprese del comparto turistico, Iscritte al Registro delle imprese commerciale". Lo scrive il Ministero del Turismo, nelle FAQ relative al bonus relativo al credito d'imposta e contributo a fondo perduto per le imprese turistiche previsti dal Decreto 152 del 2021. Si tratta di un credito d'imposta fino all'80% e di un contributo a fondo perduto fino al 50% a favore delle imprese turistiche ai fini dell’ammodernamento delle strutture, per spese sostenute dal 7 novembre 2021 fino al 2024.

Misura finanziata

La misura è finanziata con 500 milioni di euro ed è ricompresa nei 2,4 miliardi di euro inseriti nella parte del PNRR dedicata al turismo. Uncem nei giorni scorsi aveva chiesto al Ministero di includere i rifugi escursionistici gestiti nei bonus. Finalmente le FAQ precisano che i rifugi sono potenziali beneficiari degli incentivi.

L'ok di Uncem

Uncem apprezza il chiarimento, al fine di un miglioramento del patrimonio d'alta quota nelle Alpi e negli Appennini, come l'Unione dei Comuni e degli Enti montani ha sempre auspicato d'intesa a diverse organizzazioni, tra cui l'Associazione "Cantieri d'alta quota".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter