Attualità
asl biella

Giornata Mondiale dell’Ictus, 60 biellesi hanno aderito a 'Dolce qb'

Iniziativa gratuita di informazione e screening organizzata giovedì 27 ottobre in Ospedale da A.L.I.Ce. Biella

Giornata Mondiale dell’Ictus, 60 biellesi hanno aderito a 'Dolce qb'
Attualità Biella Città, 06 Novembre 2022 ore 08:40

Giornata Mondiale dell’Ictus, 60 biellesi hanno aderito a 'Dolce qb'

Sono stati 60 i partecipanti all’iniziativa gratuita di informazione e screening “Dolce qb”, organizzata giovedì 27 ottobre in Ospedale da A.L.I.Ce. Biella (Associazione per la lotta all’Ictus Cerebrale) con il patrocinio dell’ASLBI in occasione della Giornata Mondiale dell’Ictus, che ricorre ogni anno il 29 ottobre.

Diabete fattore di rischio

Per il 2022 l’attenzione di A.L.I.Ce. si è focalizzata a livello nazionale sul diabete, considerato uno dei principali fattori di rischio correlati all’insorgenza di ictus, insieme a ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia e fibrillazione atriale, oltre che al fumo e alla sedentarietà.
L’eccedenza di zuccheri nel sangue, ovvero il diabete, si associa ad una maggiore incidenza di danno vascolare su base aterosclerotica, che può indurire i vasi sanguigni, rendendo la circolazione più difficile. A livello cerebrale questo danno si traduce in un aumentato rischio di ictus, la cui incidenza nei soggetti affetti da diabete raddoppia.
Lo screening effettuato presso l’Ospedale dell’ASLBI ha permesso di calcolare per ogni partecipante il rischio percentuale di sviluppare diabete nei prossimi dieci anni, e in base al risultato di un test, sono state fornite indicazioni specialistiche individuali su cosa sia possibile fare per poter ridurre il rischio emerso.

Screening prezioso momento di informazione

«I dati a livello nazionale devono far riflettere perché l’ictus, in Italia, è la prima causa di disabilità e la terza causa di morte – spiega Cristina Durante, Vicepresidente A.L.I.Ce. Biella e Medico Fisiatra della Medicina Riabilitativa ASLBI – Queste considerazioni rendono lo screening “Dolce qb” un prezioso momento di informazione, prevenzione e riflessione per la popolazione».
«Per la buona riuscita dell’iniziativa è stata indispensabile la collaborazione con i Servizi di Dietologia e di Diabetologia ed Endocrinologia dell’Azienda Sanitaria, che ha permesso di valutare per coloro che si sono sottoposti allo screening il rischio percentuale di sviluppare diabete nei prossimi dieci anni – aggiunge Durante – Come Medico Fisiatra dell’Ospedale di Biella e volontaria dell’Associazione non posso che sperare che questo evento abbia fatto da apripista e ne seguano tanti altri, così da riuscire a dare un contributo significativo alla prevenzione dell’ictus, una patologia che nel Biellese colpisce circa 350-400 persone all’anno».
«La giornata di screening rivolta alla popolazione è stata resa possibile dall’impegno dei volontari e dalla preziosa collaborazione del personale dell’Ospedale di Biella, che insieme si sono prodigati per la realizzazione – afferma Raffaele Guadagno, Presidente A.L.I.Ce. Biella – La nostra Associazione, nata in periodo di pandemia solo due anni fa, si sta mettendo in luce grazie alla costanza di soci fondatori che credono fortemente in questo progetto. Questo è solo l’inizio e invito la popolazione ad avvicinarsi alla nostra realtà per contribuire a far sì che eventi come questo possano diventare sempre più frequenti».

Seguici sui nostri canali