Attualità
I dati

Fondazione Cassa di Risparmio di Biella: nel 2021 4,2 milioni di euro deliberati per il territorio

Aumentato il fondo per le erogazioni future.

Fondazione Cassa di Risparmio di Biella: nel 2021 4,2 milioni di euro deliberati per il territorio
Attualità Biella Città, 16 Maggio 2022 ore 11:49

Consolidare il patrimonio e mettere al sicuro le erogazioni future implementando il fondo a esse dedicato: si è mossa lungo queste due direttrici l’azione della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella che nel 2021, nonostante le difficoltà ancora persistenti a causa della crisi sanitaria ed energetica, ha supportato il territorio Biellese in tutte le aree di intervento stanziando oltre 4,2 milioni di euro attraverso progettualità proprie, bandi e sessioni erogativeper oltre 400 interventi deliberati.

Fondazione, il bilancio 2021

Il presente non è un nostro possesso, ma un prestito per il futuro che ci fanno i nostri figli commenta il Presidente Franco Ferraris che non nasconde la soddisfazione per i risultati raggiunti questa è la vision che ispira la Fondazione che ha lavorato soprattutto per favorire lo sviluppo del territorio per le generazioni future a cui consegniamo un Ente con un bilancio solido e attrezzato sia finanziariamente sia strutturalmente per le sfide dei prossimi anni.

I risultati

Molto positivi i risultati raggiunti in corso d’anno che vedono un ulteriore consolidamento del patrimonio netto dell’Ente cresciuto di quasi due milioni di euro che lo portano a un valore complessivo di oltre 258 milioni di euro, consolidando il ruolo di fondazione medio-grande a livello nazionale.

L’ottima gestione amministrativa ha permesso di chiudere il bilancio con un avanzo di esercizio di quasi 10 milioni di euro di cui oltre il 70% è stato accantonato nei fondi per l’attività di istituto, con indici di efficienza e redditività in miglioramento, come il rapporto tra avanzo desercizio e patrimonio che si attesta al 3,77%.

Una base solida e sicura che ha permesso di raggiungere un accantonamento complessivo per le erogazioni future di quasi 20 milioni di euro che mette in sicurezza l’attività dell’Ente per i prossimi anni.

La strategia

Una strategia, dunque, di lungimirante prudenza che permette all’Ente di avviare il 2022, anno del trentennale, con solide certezze in un momento in cui al sistema ormai consolidato dei bandi erogativi si affiancano sempre più spesso iniziative di coprogettazione e bandi straordinari attivati per far fronte alle emergenze.

Sullo sfondo una programmazione puntuale e corale, fatta di ascolto profondo dei bisogni del territorio, attuato anche attraverso l’Osservatorio territoriale del Biellese OsservaBiella, e delle istanze degli enti e delle reti che lo compongono.

Grazie a questa indispensabile attività di analisi e con l’obiettivo di perseguire gli obiettivi dell’agenda ONU 2030 è stata messa a punto la strategia che guiderà l’attività futura della Fondazione che sempre più si pone come soggetto al centro di reti ampie e importanti con il ruolo di catalizzatore e innovatore sociale e promotore dello sviluppo economico.

Le reti e la capacità di interazione costruttiva che ogni giorno sviluppiamo sul campo sono il vero motore dellazione della Fondazione spiega il Segretario Generale Andrea Quaregna al suo primo bilancio come Direttore si tratta di un processo molto impegnativo per il personale dellEnte che ringrazio per il grandissimo lavoro svolto a supporto dellattività degli Organi della Fondazione. Nel 2021 sono stati attivati bandi straordinari per affrontare le emergenze, è proseguita e si è ampliata lattività erogativa legata ai bandi e alle sessioni erogative, è stato prodotto il primo report di OsservaBiella e il relativo approfondimento tematico. Inoltre sono stati impostatiprogetti ed eventi che si stanno sviluppando nel corso di questanno. Occorre ricordare infine che nellambito della cultura e delleducazione abbiamo rafforzato lintervento e limpatto con le nostre società strumentali Palazzo Gromo Losa Spa e Città Studi Spa e che sono stati presidiati e a volte attivati importanti tavoli territoriali nellarea welfare e territorio.

Numerosissimi sono stati nel 2021 i progetti e gli eventi che hanno segnato l’attività dell’Ente e sono state gettate le basi per lo sviluppo di quelli futuri tra cui, in primis, Cascina Oremo, moderno polo formativo e inclusivo da oltre 12 milioni di euro all’interno del Polo di Città Studi.

Nellarea di intervento Educazione e Ricerca sono state destinate il 40% delle risorse deliberate nellanno creando le premesse per le prossime azioni della Fondazione a favore dei giovani e alla loro idea di futuro.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter