Attualità
Attualità

Ecco le piazze di Biella vietate ai No Vax (e non solo)

Possibile anche l'attivazione del "Controllo di vicinato".

Ecco le piazze di Biella vietate ai No Vax (e non solo)
Attualità Biella Città, 12 Novembre 2021 ore 19:15

Nella giornata di ieri 11 novembre 2021 si è tenuta presso questa Prefettura una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica. In seno al predetto Comitato, la questione riguardante lo svolgimento di manifestazioni contro le misure sanitarie in atto ha rappresentato il primo punto all’ordine del giorno.

Al riguardo, conformemente alla Direttiva del Ministro dell’Interno del 10.11.2021, sono stati analizzati i profili di criticità suscettibili di caratterizzare taluni luoghi del tessuto urbano cittadino anche in considerazione dell’andamento del fenomeno epidemiologico. Agli esiti di tale disanima, sentite le Forze di polizia e d’intesa con il Comune di Biella, sono state individuate specifiche aree urbane sensibili, di particolare interesse per l’ordinato svolgimento della vita della comunità, oggetto di temporanea interdizione allo svolgimento di manifestazioni pubbliche per la durata dello stato di emergenza, in ragione dell’attuale situazione pandemica.

Le aree, allo stato individuate, risultano essere: piazza Martiri della Libertà, via Italia, piazza Duomo, piazza Santa Marta e piazza Fiume; laddove, tuttavia, vi fossero concomitanti manifestazioni, in relazione al perdurare dello stato di emergenza, è fatta salva la possibilità, di volta in volta, previa approfondita valutazione, di consentire il loro svolgimento anche in talune delle predette aree oggetto della temporanea interdizione.

Nell’ambito del Comitato è stato, inoltre, valutata con favore l’opportunità di sollecitare l’adozione, da parte dei Sindaci del territorio, del Protocollo concernente i termini e le modalità di attivazione del sistema di partecipazione, cosiddetto “Controllo di vicinato”, basato sul rafforzamento del principio di solidarietà tramite forme di collaborazione sinergica tra cittadini e Forze dell’Ordine. Lo strumento si pone a finalità la prevenzione dei reati contro la proprietà e le persone che maggiormente incidono sulla percezione di insicurezza della comunità. Il documento verrà di nuovo trasmesso ai Sindaci della Provincia al fine di raccoglierne l’interesse alla sottoscrizione.