Attualità
Lutto

È morta la sindacalista Carmen Fabbris

Fu dirigente di spicco della CGIL di Biella e del PCI che ha dedicato la sua vita nel sindacato come in politica alla tutela delle lavoratrici e dei lavoratori.

È morta la sindacalista Carmen Fabbris
Attualità Biella Città, 11 Novembre 2021 ore 18:46

È morta Carmen Fabbris, dirigente di spicco della CGIL di Biella e del PCI che ha dedicato la sua vita nel sindacato come in politica alla tutela delle lavoratrici e dei lavoratori.

Morta Carmen Fabbris

Carmen nasce a Palestro (Pavia) il 17 settembre 1929, da genitori di origine veneta trasferitisi successivamente a Vercelli. Dopo aver frequentato la scuola fino al terzo anno dell’avviamento commerciale, si impiega presso la Faini di Vercelli svolgendovi per cinque anni, dal 1945 al 1950, il lavoro di operaia maglierista. Iscritta al Pci dal 1945, nel 1949 frequenta i corsi della scuola nazionale del Partito, a Milano. Rientrata per un breve periodo in azienda, nell’aprile 1950 si licenzia per iniziare l’attività politica a tempo pieno. Per due anni opera presso la Fgci vercelllese per passare poi alle dipendenze della Direzione nazionale del Partito. Da questa viene destinata a Trento, dove si dedica alla preparazione della campagna per le elezioni regionali.

A Biella

Agli inizi del 1953 si sposta a Biella per seguire lo sviluppo del settore femminile dell’organizzazione giovanile. Per qualche anno alterna il suo impegno tra l’Udi e il Partito per poi trasferirsi, nel 1960, alla segreteria del sindacato tessile biellese. Eletta contemporaneamente consigliere comunale a Biella, si dimette nel 1969 per incompatibilità con gli incarichi sindacali, ma l’anno seguente torna definitivamente all’attività nelle istituzioni entrando a far parte del Consiglio regionale del Piemonte. Vi resta per due legislature, ricoprendo per qualche tempo l’incarico di membro dell’ufficio di presidenza del Consiglio. Nel 1980 lascia l’istituzione regionale rientrando a far parte dapprima del Consiglio provinciale di Vercelli e, dal 1985 al 1990, di quello comunale di Sala Biellese.