dalla regione

Centri estivi, in arrivo 10 milioni

e strutture, oltre che dai Comuni, potevano essere gestite da soggetti differenti quali oratori, cooperative sociali, fattorie didattiche e altri ancora.

Centri estivi, in arrivo 10 milioni
Attualità 06 Agosto 2021 ore 09:00

Sono 9 milioni e 693mila euro le risorse messe a disposizione del Piemonte assegnate per finanziare la riapertura delle centinaia di centri estivi in Piemonte.

Centri estivi, in arrivo 10 milioni

La giunta regionale, su proposta dell’assessore al Welfare, con delega ai Bambini, Chiara Caucino, aveva approvato le disposizioni per la gestione in sicurezza delle attività dei suddetti centri, per bambini e adolescenti dai 6 ai 17 anni durante l’emergenza da Covid-19, ad integrazione di quelle stabilite nel 2018 e dall’Ordinanza del Ministro della Salute di concerto con il ministro per le Pari Opportunità e la famiglia dello scorso anno. La giunta aveva anche dato il via libera al coinvolgimento delle Fattorie Didattiche come risorsa per le attività estive e allo schema di accordo di gemellaggio in relazione all’impiego degli operatori volontari del Servizio Civile Universale nell’ambito dell’emergenza epidemiologica da Covid19. Le strutture, oltre che dai Comuni, potevano essere gestite da soggetti differenti quali oratori, cooperative sociali, fattorie didattiche e altri ancora.

Le novità

Ma quali sono le novità che sono state introdotte quest’anno? Per quanto riguarda le sedi e la localizzazione era stato deciso che avrebbe dovuto essere possibile identificare una «zona filtro» per gli operatori e per gli utenti (per il triage ed operazioni di vestizione/svestizione anche relativa all'utilizzo dei Dpi).