Attualità
Ecologia

Cavaglià: ecco il nuovo impianto di trattamento rifiuti. Previste 13 assunzioni

Dall’attività dell’impianto integrato sarà possibile ottenere ogni anno 5 milioni di metri cubi di biometano e 12 mila tonnellate di compost.

Cavaglià: ecco il nuovo impianto di trattamento rifiuti. Previste 13 assunzioni
Attualità Valli Mosso e Sessera, 07 Ottobre 2022 ore 15:45

Un esempio concreto di innovazione al servizio dell’economia circolare: nel Polo di Cavaglià, in provincia di Biella, è stato inaugurato, alla presenza del Presidente di A2A, Marco Patuano, e del Presidente e Amministratore Delegato di A2A Ambiente, Fulvio Roncari, il nuovo impianto di trattamento e recupero della frazione organica dei rifiuti urbani.

Come funzionerà l'impianto?

Realizzata da A2A Ambiente - società del Gruppo A2A - l’infrastruttura permetterà di produrre biometano e compost attraverso il recupero e il trattamento dei rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata dell’umido e del verde, ovvero gli sfalci e le potature che si ottengono dopo la manutenzione di parchi e giardini. Tutto ciò con un obiettivo ben preciso: rispondere all’urgente necessità di sfruttare le potenzialità dei rifiuti, riconsegnando risorse preziose alla comunità locale.

Infrastruttura green

Dall’attività dell’impianto integrato - digestione anaerobica e compostaggio - sarà possibile ottenere ogni anno 5 milioni di metri cubi di biometano e 12 mila tonnellate di compost certificato da riutilizzare in agricoltura. Grazie a questo moderno processo di trattamento dei rifiuti, si soddisferebbe l’equivalente del consumo annuo di circa 150 mezzi di trasporto - bus o grossi compattatori. L’utilizzo del biometano in alternativa al gas naturale permette inoltre di azzerare le emissioni di CO2 non biogenica e ridurre la dipendenza da combustibili fossili.

Cosa significa per il territorio?

L’impegno di A2A è anche quello di massimizzare l’impiego di risorse locali ed imprese del territorio, prevedendo l’assunzione di 13 lavoratori, a cui si aggiungeranno le risorse connesse all’indotto per le attività di manutenzione specialistiche e i servizi collegati.

Negli ultimi anni, gli investimenti realizzati a Cavaglià hanno permesso la realizzazione di un avanzato polo tecnologico per l’economia circolare: con il nuovo impianto, A2A conferma la volontà di fornire un contributo concreto alla realizzazione di infrastrutture indispensabili per la transizione ecologica del Paese e in grado di favorire il miglioramento della qualità dei servizi offerti alle comunità.

Seguici sui nostri canali