Accoglienza

Biella accoglie due famiglie fuggite da Kabul: l'incontro diretto dal Prefetto

L'obbiettivo è quello di inserirli a pieno nel tessuto socio-economico del territorio

Biella accoglie due famiglie fuggite da Kabul: l'incontro diretto dal Prefetto
Attualità Biella Città, 14 Settembre 2021 ore 16:14

Dopo l'8 settembre, giornata in cui sono stati accolti i 10 cittadini afghani fuggiti da Kabul, si è tenuto presso il Palazzo del Governo di Biella un nuovo incontro, organizzato dal Prefetto, volto ad individuare le misure più idonee all'immediata accoglienza ed integrazione dei rifugiati.

L'incontro

L'obbiettivo dichiarato del Tavolo, a cui erano presenti anche il Comune di Biella, l'Unione Industriale Biellese, Ascom Confcommercio, Confartigianato, C.N.A., A.P.I., l'Ufficio Scolastico Territoriale, l'A.S.L. di Biella e l'Associazione Pacefuturo, era quello di inserirse il più velocemente possibile i cittadini afghani nel contesto economico-sociale biellese.

I rifugiati

I dieci rifugiati, due famiglie, hanno infatti fornito varie informazioni circa il loro vissuto, la loro esperienza scolastica e professionale affinchè la loro integrazione potesse avvenire nel miglior modo possibile. I due nuclei familiari hanno già effettuato tutti i necessari screening anticovid previsti e, nei prossimi giorni, effettueranno alcuni controlli relativi alle vaccinazioni obbligatorie prima di vedersi assegnati il proprio medico di base ed il proprio pediatra. I cittadini afghani inoltre, dal loro arrivo, sono stati ospitati presso alcuni appartamenti gestiti dall'Associazione Pacefuturo.

Missione integrazione

Per garantire un'integrazione più veloce, l'Ufficio Scolastico garantirà l'avvio di corsi di alfabetizzazione e di apprendimento della lingua italiana per adulti. Per quanto riguarda i giovani d'età compresa fra i 19 ed i 22 anni, l'Unione Industriale ha proposto il loro inserimento in corsi di formazione attivabili dalla Regione. Confartigianato, Ascom e C.N.A. non hanno invece escluso la possibilità di assunzioni dirette nei settori dell'artigianato e dell'agricoltura. Il Comune di Biella ha inoltre proposte di inserire i ragazzi più giovani in attività ludico-sportive oltre ad impegnarsi a permettere ad uno di loro, un musicista, di avvicinarsi alla realtà musicale cittadina.