Viaggio “speciale” tra presepi e luci

Viaggio  “speciale” tra presepi e luci
Altro 12 Dicembre 2016 ore 13:44

Prende il via oggi sull’Eco di Biella, e proseguirà sino a Natale, un piccolo viaggio tra i presepi e le luminarie allestite negli angoli dei piccoli paesi. Un modo per vivere il Natale oltre i grandi eventi. E con un occhio speciale: quello delle persone con disabilità, alle quali non deve essere negato il diritto di godere delle bellezze di queste piccole opere d’arte. A guidarci è Antonio Montoro

«Siamo a pochi minuti da Biella: un percorso non impegnativo servito da una buona viabilità. Sordevolo e la frazione Verdobbio si prestano con me sfondo al presepe. Intorno alla chiesa della frazione Verdobbio sono state allestite varie Natività: a fianco della chiesa una piccola baita vi invita ad entrare tra le musiche in un'atmosfera veramente natalizia, un presepe in movimento vi farà balzare il cuore per la atmosfera e le sensazioni che produce. Portate i vostri bambini, portate voi stessi ma soprattutto portate gli anziani e portatori di handicap che in uno spazio ristretto permette a tutti un facile accesso. Scendete tra le vie fino ad arrivare nella piazza di Sordevolo dove la Chiesa decorata vi farà sobbalzare per la bellezza. Premiamo questo paese che tanto si impegna da anni con manifestazioni anche di rilievo internazionale.

Spostiamoci di qualche chilometro. La piazza di Verrone rimane sempre suggestiva anche da lontano: con il suo campanile che svetta con le luci a contorno, qui è stato messo l'albero e all'uscita del paese la piccola chiesetta è stata illuminata nei contorni. Anche questo un bel segno di Natale. Molto natalizia suggestiva anche la piazza di Ponderano: bellissimo lavoro quello fatto dall'amministrazione e dai volontari. Nella piazza di Borriana, invece, è stata allestita la Natività con le luci, la stella cometa e l'albero, ma la cosa più suggestiva resta quella di vedere le case e mezzo alla campagna quasi tutte con un segno per Natale, un albero o le luci, sullo sfondo delle montagne biellesi».

Antonio Montoro

Prende il via oggi sull’Eco di Biella, e proseguirà sino a Natale, un piccolo viaggio tra i presepi e le luminarie allestite negli angoli dei piccoli paesi. Un modo per vivere il Natale oltre i grandi eventi. E con un occhio speciale: quello delle persone con disabilità, alle quali non deve essere negato il diritto di godere delle bellezze di queste piccole opere d’arte. A guidarci è Antonio Montoro

«Siamo a pochi minuti da Biella: un percorso non impegnativo servito da una buona viabilità. Sordevolo e la frazione Verdobbio si prestano con me sfondo al presepe. Intorno alla chiesa della frazione Verdobbio sono state allestite varie Natività: a fianco della chiesa una piccola baita vi invita ad entrare tra le musiche in un'atmosfera veramente natalizia, un presepe in movimento vi farà balzare il cuore per la atmosfera e le sensazioni che produce. Portate i vostri bambini, portate voi stessi ma soprattutto portate gli anziani e portatori di handicap che in uno spazio ristretto permette a tutti un facile accesso. Scendete tra le vie fino ad arrivare nella piazza di Sordevolo dove la Chiesa decorata vi farà sobbalzare per la bellezza. Premiamo questo paese che tanto si impegna da anni con manifestazioni anche di rilievo internazionale.

Spostiamoci di qualche chilometro. La piazza di Verrone rimane sempre suggestiva anche da lontano: con il suo campanile che svetta con le luci a contorno, qui è stato messo l'albero e all'uscita del paese la piccola chiesetta è stata illuminata nei contorni. Anche questo un bel segno di Natale. Molto natalizia suggestiva anche la piazza di Ponderano: bellissimo lavoro quello fatto dall'amministrazione e dai volontari. Nella piazza di Borriana, invece, è stata allestita la Natività con le luci, la stella cometa e l'albero, ma la cosa più suggestiva resta quella di vedere le case e mezzo alla campagna quasi tutte con un segno per Natale, un albero o le luci, sullo sfondo delle montagne biellesi».

Antonio Montoro