Altro

Viabilità, lentamente si torna alla normalità

Viabilità, lentamente si torna alla normalità
Altro Grande Biella, 19 Maggio 2015 ore 17:21

Le criticità non sono ancora del tutto risolte, come i casi di Pray e Vigliano dimostrano. Ma per quanto attiene alle competenze della Provincia, i tasselli stanno pian piando trovando ciascuno la propria collocazione. A sei mesi dalla pesante emergenza scatenata dall’alluvione di novembre, e dopo settimane di chiusura al traffico veicolare, la situazione delle strade provinciali più colpite dal maltempo sta, passo dopo passo, tornando alla normalità. Lo spiega il presidente della Provincia Emanuele Ramella Pralungo, tracciando la cronologia delle riaperture che in questi ultimi giorni hanno positivamente segnato il quadro viario locale, risolvendo più di una criticità.  

La prima delle buone notizie è arrivata ai primi di maggio dalla provinciale Occhieppo-Sordevolo-Pollone: qui la strada non è ancora stata riaperta, ma il presidente conta di poter togliere le transenne a breve. «Pareva impossibile (viste le condizioni di dissesto finanziario della Provincia che mi onoro di governare) - spiega -, ma i lavori sono quasi conclusi e per fine mese contiamo di riaprirla. Un’altra ferita che si rimargina». Conclusi, invece, i lavori sulla provinciale 207 Pettinengo San Francesco: «I lavori - chiarisce Ramella - qui sono stati finanziati con l'evento alluvionale novembre 2011 ed assegnati nel 2012. Il cantiere è stato riesumato dopo 3 anni di limbo: è iniziato ai primi di marzo ed è stato ultimato ieri l’11 maggio scorso». Via le  transenne, durante questa settimana, anche alla provinciale Salussola-Cerrione, dove tuttavia permangono alcune limitazioni. Il tutto mentre - fa notare il presidente provinciale - si lavora anche sulla superstrada «per mantenerla pulita e senza vegetazione. Noi facciamo le scelte, ma poi il lavoro lo fanno i cantonieri e i capocantonieri, che ringrazio di cuore perchè in meno di 20 cercano di manutenere quasi 75 chilometri di strade provinciali».

Veronica Balocco

Leggi altre notizie sull’Eco di Biella di lunedì 18 maggio 

Le criticità non sono ancora del tutto risolte, come i casi di Pray e Vigliano dimostrano. Ma per quanto attiene alle competenze della Provincia, i tasselli stanno pian piando trovando ciascuno la propria collocazione. A sei mesi dalla pesante emergenza scatenata dall’alluvione di novembre, e dopo settimane di chiusura al traffico veicolare, la situazione delle strade provinciali più colpite dal maltempo sta, passo dopo passo, tornando alla normalità. Lo spiega il presidente della Provincia Emanuele Ramella Pralungo, tracciando la cronologia delle riaperture che in questi ultimi giorni hanno positivamente segnato il quadro viario locale, risolvendo più di una criticità.  

La prima delle buone notizie è arrivata ai primi di maggio dalla provinciale Occhieppo-Sordevolo-Pollone: qui la strada non è ancora stata riaperta, ma il presidente conta di poter togliere le transenne a breve. «Pareva impossibile (viste le condizioni di dissesto finanziario della Provincia che mi onoro di governare) - spiega -, ma i lavori sono quasi conclusi e per fine mese contiamo di riaprirla. Un’altra ferita che si rimargina». Conclusi, invece, i lavori sulla provinciale 207 Pettinengo San Francesco: «I lavori - chiarisce Ramella - qui sono stati finanziati con l'evento alluvionale novembre 2011 ed assegnati nel 2012. Il cantiere è stato riesumato dopo 3 anni di limbo: è iniziato ai primi di marzo ed è stato ultimato ieri l’11 maggio scorso». Via le  transenne, durante questa settimana, anche alla provinciale Salussola-Cerrione, dove tuttavia permangono alcune limitazioni. Il tutto mentre - fa notare il presidente provinciale - si lavora anche sulla superstrada «per mantenerla pulita e senza vegetazione. Noi facciamo le scelte, ma poi il lavoro lo fanno i cantonieri e i capocantonieri, che ringrazio di cuore perchè in meno di 20 cercano di manutenere quasi 75 chilometri di strade provinciali».

Veronica Balocco

Leggi altre notizie sull’Eco di Biella di lunedì 18 maggio 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter