Altro

Una “rete” per fermare i cinghiali

Una “rete” per fermare i cinghiali
Altro Grande Biella, 06 Dicembre 2017 ore 11:20

Una “rete” contro i cinghiali. Per cercare di arginare un problema che sta diventando sempre più pressante per gli agricoltori. Questo il senso della convenzione presentata in Provincia a Novara, protagonisti l’Ente di gestione delle aree protette del Ticino e del Lago Maggiore (ente che comprende anche Baragge, Bessa e Burcina) e Atc (Ambito territoriale di caccia). «Una collaborazione inedita - ha detto il consigliere provinciale con delega alla Fauna selvatica, Stefano Zanzola - che ci consentirà di avere risultati migliori, soprattutto nelle zone più critiche, quelle nella fascia a margine del Parco. Certo non ci illudiamo di risolvere il problema, ma certo è una bella risposta di sinergia».

Un passo avanti notevole, anche secondo il presidente della Provincia Matteo Besozzi, «che mette in rete le forze e che sta già dando i primi frutti nell’ottica di limitare i danni agli agricoltori». Finora infatti, le azioni di contenimento dei cinghiali erano state messe in atto in maniera autonoma sia dalla Provincia, sia dal Parco: ciascuno dei due Enti dispone di un piano di controllo. «Per poter ottimizzare gli sforzi ed evitare che gli animali possano spostarsi da una zona all’altra, vanificando i risultati ottenibili - ha detto Zanzola - si è resa necessaria una condivisione del problema tra tutti i soggetti interessati». Il primo step, ha ricordato il presidente dell’Ente Parco Adriano Fontaneto, «è stato un tavolo tecnico tra Parco, Provincia, Atc e associazioni di categoria degli agricoltori, per costruire un percorso sinergico e riuscire così a dare risposte effettive ai problemi lamentati dagli agricoltori. Il tutto con la supervisione di Prefettura e Carabinieri Forestale, perché si tratta comunque di una materia delicata, in cui occorrono regole certe». Anche perché - ha ribadito il biellese Paolo Seitone, consigliere del Parco e rappresentante delle associazioni agricole - «quello dei cinghiali è un fenomeno molto pericoloso, anche dal punto di vista della sicurezza stradale».

La convenzione stipulata, che avrà validità fino al dicembre 2018, prevede la stesura di un calendario di interventi da effettuarsi due giorni la settimana con la tecnica della “girata” (una battuta di caccia con la presenza di un cane “limiere” e un numero massimo di 12 cacciatori, ndr), il martedì e venerdì, sotto il coordinamento del personale del Parco e con la partecipazione della Polizia provinciale e di due agenti messi a disposizione dall’Atc. «Le uscite sono iniziate il 3 novembre e proseguiranno fino al 20 dicembre, per poi riprendere a febbraio - ha detto Angelo Ongaro, responsabile della gestione e del contenimento della fauna selvatica del Parco - La professionalità messa a disposizione dall’Atc ci ha dato una grossa mano».
R.E.B.

Una “rete” contro i cinghiali. Per cercare di arginare un problema che sta diventando sempre più pressante per gli agricoltori. Questo il senso della convenzione presentata in Provincia a Novara, protagonisti l’Ente di gestione delle aree protette del Ticino e del Lago Maggiore (ente che comprende anche Baragge, Bessa e Burcina) e Atc (Ambito territoriale di caccia). «Una collaborazione inedita - ha detto il consigliere provinciale con delega alla Fauna selvatica, Stefano Zanzola - che ci consentirà di avere risultati migliori, soprattutto nelle zone più critiche, quelle nella fascia a margine del Parco. Certo non ci illudiamo di risolvere il problema, ma certo è una bella risposta di sinergia».

Un passo avanti notevole, anche secondo il presidente della Provincia Matteo Besozzi, «che mette in rete le forze e che sta già dando i primi frutti nell’ottica di limitare i danni agli agricoltori». Finora infatti, le azioni di contenimento dei cinghiali erano state messe in atto in maniera autonoma sia dalla Provincia, sia dal Parco: ciascuno dei due Enti dispone di un piano di controllo. «Per poter ottimizzare gli sforzi ed evitare che gli animali possano spostarsi da una zona all’altra, vanificando i risultati ottenibili - ha detto Zanzola - si è resa necessaria una condivisione del problema tra tutti i soggetti interessati». Il primo step, ha ricordato il presidente dell’Ente Parco Adriano Fontaneto, «è stato un tavolo tecnico tra Parco, Provincia, Atc e associazioni di categoria degli agricoltori, per costruire un percorso sinergico e riuscire così a dare risposte effettive ai problemi lamentati dagli agricoltori. Il tutto con la supervisione di Prefettura e Carabinieri Forestale, perché si tratta comunque di una materia delicata, in cui occorrono regole certe». Anche perché - ha ribadito il biellese Paolo Seitone, consigliere del Parco e rappresentante delle associazioni agricole - «quello dei cinghiali è un fenomeno molto pericoloso, anche dal punto di vista della sicurezza stradale».

La convenzione stipulata, che avrà validità fino al dicembre 2018, prevede la stesura di un calendario di interventi da effettuarsi due giorni la settimana con la tecnica della “girata” (una battuta di caccia con la presenza di un cane “limiere” e un numero massimo di 12 cacciatori, ndr), il martedì e venerdì, sotto il coordinamento del personale del Parco e con la partecipazione della Polizia provinciale e di due agenti messi a disposizione dall’Atc. «Le uscite sono iniziate il 3 novembre e proseguiranno fino al 20 dicembre, per poi riprendere a febbraio - ha detto Angelo Ongaro, responsabile della gestione e del contenimento della fauna selvatica del Parco - La professionalità messa a disposizione dall’Atc ci ha dato una grossa mano».
R.E.B.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter