Trasporto pubblico a Biella, nel 2016 numeri in crescita

Trasporto pubblico a Biella, nel 2016 numeri in crescita
Altro 18 Aprile 2017 ore 18:58

BIELLA - Passeggeri in crescita anche nel 2016 per il bus urbano (più di 110mila) e la funicolare. Palazzo Oropa comunica risultati particolarmente soddisfacenti soprattutto per quanto riguarda il servizio di collegamento al Piazzo con quasi il 25% di viaggiatori in più: lo scorso anno per il trasporto pubblico si parla di una crescita nell'utilizzo del servizio, con qualche sorpresa che sembra legare in modo più diretto il numero dei biglietti venduti alla presenza di turisti. È il caso del Piazzo: il mese migliore del 2016 per la Funicolare è stato ancora una volta agosto, come nell'anno precedente. Ma ha fatto registrare un vero e proprio boom: 13.452 biglietti venduti contro gli 8.931 del 2015, nel mese in cui le attività produttive rallentano e le scuole sono chiuse. È questa cifra, oltre al “fermo” tecnico di un mese che nel 2015 ha ovviamente ridotto il numero dei viaggiatori (circa 5mila in meno rispetto ad aprile 2016), a spingere in alto il dato dell'anno appena terminato. «E sembra un sintomo - spiega l'assessore ai trasporti Diego Presa - di un rinnovato interesse per il Piazzo che travalica i confini biellesi. Un interesse che contiamo di coltivare rendendo la funicolare gratuita dopo i lavori di restauro che partiranno nelle prossime settimane e che viene alimentato dalle sempre più numerose iniziative che hanno al centro il borgo storico, dalle mostre e dagli eventi del polo culturale di palazzo La Marmora, palazzo Gromo Losa e palazzo Ferrero a momenti come il mercato della Crocetta, la Folle Notte di carnevale o Bolle di Malto in piazza Cisterna. È un'impressione confermata anche dall'utilizzo più intenso del parcheggio del Bellone».

Per i biglietti delle linee del bus (la statistica tiene conto di linea urbana 900 e dei tratti cittadini delle linee extraurbane) l'andamento dei flussi di passeggeri è più costante: la media è di 9.607 al mese, con tre mesi, settembre, ottobre e novembre, sopra quota 10mila (a settembre il record con 10.979) e due, gennaio e agosto, sotto quota 9mila. «Un aumento più considerevole - sottolinea Diego Presa - riguarda tutte le tipologie di abbonamenti. Ne sono stati venduti 7.032, quasi 900 in più rispetto all'anno prima, il 14,3% di incremento. Settecento degli abbonamenti in più arrivano dagli studenti. È il segno di un uso più intensivo dei bus. E il segnale positivo è che l'aumento degli abbonamenti non ha portato a un calo nella vendita dei biglietti ordinari, oltre 1500 in più rispetto al 2015».

BIELLA - Passeggeri in crescita anche nel 2016 per il bus urbano (più di 110mila) e la funicolare. Palazzo Oropa comunica risultati particolarmente soddisfacenti soprattutto per quanto riguarda il servizio di collegamento al Piazzo con quasi il 25% di viaggiatori in più: lo scorso anno per il trasporto pubblico si parla di una crescita nell'utilizzo del servizio, con qualche sorpresa che sembra legare in modo più diretto il numero dei biglietti venduti alla presenza di turisti. È il caso del Piazzo: il mese migliore del 2016 per la Funicolare è stato ancora una volta agosto, come nell'anno precedente. Ma ha fatto registrare un vero e proprio boom: 13.452 biglietti venduti contro gli 8.931 del 2015, nel mese in cui le attività produttive rallentano e le scuole sono chiuse. È questa cifra, oltre al “fermo” tecnico di un mese che nel 2015 ha ovviamente ridotto il numero dei viaggiatori (circa 5mila in meno rispetto ad aprile 2016), a spingere in alto il dato dell'anno appena terminato. «E sembra un sintomo - spiega l'assessore ai trasporti Diego Presa - di un rinnovato interesse per il Piazzo che travalica i confini biellesi. Un interesse che contiamo di coltivare rendendo la funicolare gratuita dopo i lavori di restauro che partiranno nelle prossime settimane e che viene alimentato dalle sempre più numerose iniziative che hanno al centro il borgo storico, dalle mostre e dagli eventi del polo culturale di palazzo La Marmora, palazzo Gromo Losa e palazzo Ferrero a momenti come il mercato della Crocetta, la Folle Notte di carnevale o Bolle di Malto in piazza Cisterna. È un'impressione confermata anche dall'utilizzo più intenso del parcheggio del Bellone».

Per i biglietti delle linee del bus (la statistica tiene conto di linea urbana 900 e dei tratti cittadini delle linee extraurbane) l'andamento dei flussi di passeggeri è più costante: la media è di 9.607 al mese, con tre mesi, settembre, ottobre e novembre, sopra quota 10mila (a settembre il record con 10.979) e due, gennaio e agosto, sotto quota 9mila. «Un aumento più considerevole - sottolinea Diego Presa - riguarda tutte le tipologie di abbonamenti. Ne sono stati venduti 7.032, quasi 900 in più rispetto all'anno prima, il 14,3% di incremento. Settecento degli abbonamenti in più arrivano dagli studenti. È il segno di un uso più intensivo dei bus. E il segnale positivo è che l'aumento degli abbonamenti non ha portato a un calo nella vendita dei biglietti ordinari, oltre 1500 in più rispetto al 2015».