Trasporti, nel 2016 nessun taglio

Trasporti, nel 2016 nessun taglio
Altro 31 Gennaio 2016 ore 12:00

«Circola una bozza secondo la quale non ci dovrebbero essere altri tagli ai trasferimenti regionali per il trasporto locale. È una buona notizia ma aspettiamo certezze». L’assessore

ai trasporti del Comune di Biella, Stefano La Malfa, è tornato ottimista ma cauto dalla riunione dell’Agenzia Regionale della Mobilità, svoltasi giovedì a Vercelli.

L’incontro è servito anche a far insediare l’assemblea di quadrante, che rappresenterà a Torino le esigenze e le richieste delle province del Piemonte orientale. Matteo Besozzi, sindaco di Castelletto Ticino e presidente della Provincia di Novara, è stato eletto per acclamazione rappresentante del quadrante. «In queste vesti – spiega La Malfa – siederà nel consiglio di amministrazione dell’agenzia regionale e presiederà le assemblee di quadrante, che avranno sempre luogo a Vercelli».

All’incontro era presente anche l’assessore regionale ai trasporti Francesco Balocco ed è stato inevitabile affrontare anche il tema dei fondi che Torino destinerà nel 2016 al trasporto pubblico locale, quelli che, per fare un esempio, garantiscono a Biella un contributo per il funzionamento di bus urbano e funicolare. «Le cifre non sono ancora state determinate – afferma La Malfa – ma secondo le prime bozze il nostro territorio non dovrebbe essere penalizzato. Addirittura la città di Biella dovrebbe ricevere qualche risorsa in più. Ma finché il provvedimento non sarà definitivo è bene essere prudenti».

Uno dei compiti dell’Agenzia Regionale dei Trasporti sarà prendere in carico i contratti di servizio dei vari territori: «Anche la provincia di Biella dovrà accelerare questo processo – aggiunge l’assessore -. Il vantaggio è poter usufruire dei benefici per la migliore aliquota Iva, il 5 per cento anziché il 10 per cento, di cui gode l’Agenzia».

Dunque un’operazione importante che consentirà di risparmiare risorse importanti che potranno essere destinate al trasporto pubblico che, altrimenti, potrebbe tornare ad essere in forte sofferenza come accadeva in passato.

E.P.

«Circola una bozza secondo la quale non ci dovrebbero essere altri tagli ai trasferimenti regionali per il trasporto locale. È una buona notizia ma aspettiamo certezze». L’assessore ai trasporti del Comune di Biella, Stefano La Malfa, è tornato ottimista ma cauto dalla riunione dell’Agenzia Regionale della Mobilità, svoltasi giovedì a Vercelli.

L’incontro è servito anche a far insediare l’assemblea di quadrante, che rappresenterà a Torino le esigenze e le richieste delle province del Piemonte orientale. Matteo Besozzi, sindaco di Castelletto Ticino e presidente della Provincia di Novara, è stato eletto per acclamazione rappresentante del quadrante. «In queste vesti – spiega La Malfa – siederà nel consiglio di amministrazione dell’agenzia regionale e presiederà le assemblee di quadrante, che avranno sempre luogo a Vercelli».

All’incontro era presente anche l’assessore regionale ai trasporti Francesco Balocco ed è stato inevitabile affrontare anche il tema dei fondi che Torino destinerà nel 2016 al trasporto pubblico locale, quelli che, per fare un esempio, garantiscono a Biella un contributo per il funzionamento di bus urbano e funicolare. «Le cifre non sono ancora state determinate – afferma La Malfa – ma secondo le prime bozze il nostro territorio non dovrebbe essere penalizzato. Addirittura la città di Biella dovrebbe ricevere qualche risorsa in più. Ma finché il provvedimento non sarà definitivo è bene essere prudenti».

Uno dei compiti dell’Agenzia Regionale dei Trasporti sarà prendere in carico i contratti di servizio dei vari territori: «Anche la provincia di Biella dovrà accelerare questo processo – aggiunge l’assessore -. Il vantaggio è poter usufruire dei benefici per la migliore aliquota Iva, il 5 per cento anziché il 10 per cento, di cui gode l’Agenzia».

Dunque un’operazione importante che consentirà di risparmiare risorse importanti che potranno essere destinate al trasporto pubblico che, altrimenti, potrebbe tornare ad essere in forte sofferenza come accadeva in passato.

E.P.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli