“Terre di libertà” in mostra a Candelo

“Terre di libertà” in  mostra a Candelo
28 Aprile 2015 ore 11:57

Resta aperta sino a domenica 3 maggio, in biblioteca, la mostra fotografica “Terre di libertà” i volti e i luoghi del riscatto civile dalle mafie, proposta dalle associazioni “Libera” e “No Mafie”.

«La confisca dei beni è un modo per aggredire la mafia nel portafoglio togliendole la proprietà dei beni accumulati illegalmente per rimetterli a disposizione della società . Si creano così opportunità per la popolazione locale». Questo il concetto espresso da Davide Pati, vicepresidente nazionale di Libera , in occasione dell’inaugurazione della mostra. Sono sette i Comuni del Biellese in cui ci sono terre confiscate alla mafia. Tra questi anche Candelo. «Faremo presto una verifica – afferma la sindaca Mariella Biollino – e decideremo  quale destinazione sociale dare a quei terreni. Occorre tenere sempre viva la speranza tramite l’impegno di ciascuno. la mafia e la criminalità sono ancora diffuse».  La mostra  sarà poi presentata, dal 13 al 20 maggio, nello spazio cultura della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella in via Garibaldi 14 a Biella. Poi nel mese di giugno si trasferirà nel salone polivalente di Valle Mosso.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità