Stagione rinviata

Stagione rinviata
Altro 24 Febbraio 2012 ore 16:46

Rinviata di 15 giorni l’apertura della stagione della pesca nelle acque salmonicole biellesi. L’ha deciso la Provincia di Biella. «E’ stata predisposta infatti  dagli uffici del settore provinciale - spiega l’assessore delegato Fausto Governato Greggio  - un’apposita determinazione di rinvio dell’apertura della pesca per un periodo di 15 giorni, con possibilità di revoca o di proroga qualora concorrano i presupposti».

«Questa disposizione - spiega l’assessore della giunta del presidente Roberto Simonetti - è stata adottata accogliendo formale richiesta da parte delle associazioni di pescatori ed anche ambientaliste, ma soprattutto in quanto si è ritenuto concorrano le condizioni di eccezionale esigenza di tutelare l’equilibrio biologico del patrimonio ittico. La carenza idrica, testimoniata anche dai dati di forniti dall’Arpa Piemonte  mettono infatti in pericolo le specie salmonicole, ed in alcuni punti gli accessi ai torrenti sono anche pericolosi. Per questi motivi si è deciso di procrastinare l’apertura, così come si sono rinviate di due settimane le semine del pronta pesca». «Confidiamo che il mondo della pesca comprenda le ragioni di questa scelta, che rimanda solo di poco uno sport  che raggruppa  tanti appassionati».

I numeri. Lo scorso anno l'esercito di pescatori ha avuto un secco ridimensionamento rispetto alla stagione 2010. Gli appassionati di questa disciplina sono infatti calati dalle 2500 unità circa alle 1800 attuali con una perdita secca di 700 pescatori. «In tanti avranno rinnovato il permesso in altre province a causa di regole troppo severe che abbiamo in parte modificato per venire incontro alle esigenze dei pescatori», puntualizza Fausto Governato Greggio, assessore provinciale alla pesca.