Menu
Cerca

Servizi comunali, tariffe invariate per il 2016

Servizi comunali, tariffe invariate per il 2016
Altro 29 Gennaio 2016 ore 09:55

BIELLA - Confermate le tariffe del 2015 anche nel 2016. Il Comune di Biella ha presentato il bilancio di previsione che verrà portato alla votazione durante il consiglio comunale di febbraio. Diverse, comunque, le novità nel documento contabile. «Nonostante non siano ancora certi i trasferimenti - ha spiegato l’assessore competente Giorgio Gaido - abbiamo voluto comunque portare avanti il documento. Questo ci consentirà, dopo l’approvazione in consiglio, di convocare una giunta straordinaria per sbloccare lavori per otto milioni di euro circa, di cui quasi tre nell’immediato. Se non avessimo predisposto il documento avremmo rischiato di dover rinviare l’apertura di importanti cantieri. A maggio, poi, presenteremo una variazione corposa di bilancio, quando avremo le cifre definitive dei trasferimenti». 

Gli interventi. Molti, per un importo di poco inferiore al milione di euro, riguardano le manutenzioni alle strade. «Questa città - ha sottolineato il sindaco Marco Cavicchioli - ne ha estremo bisogno e per questo abbiamo deciso di affrettare i tempi». Tra le opere di maggiore urgenza c’è la risistemazione del ponte della Torrazza, al Piazzo, ormai in condizioni assai pericolose. Un intervento da 140mila euro per il consolidamento del ponte. C’è poi la sostituzione della funicolare con il cosiddetto “ascensore inclinato”. «E poi cubettature, asfaltature e altri interventi alla viabilità - ha aggiunto Gaido». 

Nelle spese correnti spariscono, sia nel capitolo delle entrate sia in quello delle uscite, i quasi 10 milioni di gestione della raccolta rifiuti, che con la tariffa puntuale passa interamente sotto la competenza di Seab. Continua la lotta all'evasione, che nel 2015 ha consentito accertamenti di imposte e tariffe non pagate per 2,5 milioni di euro rispetto ai 70mila del 2014. «Nel 2016 abbiamo previsto altri 2 milioni - ha annunciato Gaido -. Ci rendiamo anche conto che in certi casi i mancati pagamenti sono “figli” della crisi, per questo abbiamo inserito il ravvedimento operoso che consente di diminuire a un ottavo eventuali penali per mancati pagamenti». Il bilancio, senza i dieci milioni della partita di giro dei rifiuti, pareggia intorno ai 41 milioni di euro. Scende l’indebitamento, a circa 46 milioni. 

I tagli.  «L'anno scorso - ha sottolineato poi Gaido  -la cifra tornata a Biella con il fondo di ripartizione delle imposte immobiliari era più bassa dell'87 per cento di quella che Biella ha inviato a Roma. I conti non ci tornano e siamo ancora perplessi su come siano stati ripartiti quei fondi». «Per questo - ha aggiunto Cavicchioli - andremo in missione a Roma al ministero, martedì 2 febbraio, per far valere le nostre ragioni ed evitare brutte sorprese come l'anno scorso, in cui abbiamo dovuto riscrivere un bilancio già pronto per una minore entrata di 2 milioni di euro». 

Enzo Panelli

BIELLA - Confermate le tariffe del 2015 anche nel 2016. Il Comune di Biella ha presentato il bilancio di previsione che verrà portato alla votazione durante il consiglio comunale di febbraio. Diverse, comunque, le novità nel documento contabile. «Nonostante non siano ancora certi i trasferimenti - ha spiegato l’assessore competente Giorgio Gaido - abbiamo voluto comunque portare avanti il documento. Questo ci consentirà, dopo l’approvazione in consiglio, di convocare una giunta straordinaria per sbloccare lavori per otto milioni di euro circa, di cui quasi tre nell’immediato. Se non avessimo predisposto il documento avremmo rischiato di dover rinviare l’apertura di importanti cantieri. A maggio, poi, presenteremo una variazione corposa di bilancio, quando avremo le cifre definitive dei trasferimenti». 

Gli interventi. Molti, per un importo di poco inferiore al milione di euro, riguardano le manutenzioni alle strade. «Questa città - ha sottolineato il sindaco Marco Cavicchioli - ne ha estremo bisogno e per questo abbiamo deciso di affrettare i tempi». Tra le opere di maggiore urgenza c’è la risistemazione del ponte della Torrazza, al Piazzo, ormai in condizioni assai pericolose. Un intervento da 140mila euro per il consolidamento del ponte. C’è poi la sostituzione della funicolare con il cosiddetto “ascensore inclinato”. «E poi cubettature, asfaltature e altri interventi alla viabilità - ha aggiunto Gaido». 

Nelle spese correnti spariscono, sia nel capitolo delle entrate sia in quello delle uscite, i quasi 10 milioni di gestione della raccolta rifiuti, che con la tariffa puntuale passa interamente sotto la competenza di Seab. Continua la lotta all'evasione, che nel 2015 ha consentito accertamenti di imposte e tariffe non pagate per 2,5 milioni di euro rispetto ai 70mila del 2014. «Nel 2016 abbiamo previsto altri 2 milioni - ha annunciato Gaido -. Ci rendiamo anche conto che in certi casi i mancati pagamenti sono “figli” della crisi, per questo abbiamo inserito il ravvedimento operoso che consente di diminuire a un ottavo eventuali penali per mancati pagamenti». Il bilancio, senza i dieci milioni della partita di giro dei rifiuti, pareggia intorno ai 41 milioni di euro. Scende l’indebitamento, a circa 46 milioni. 

I tagli.  «L'anno scorso - ha sottolineato poi Gaido  -la cifra tornata a Biella con il fondo di ripartizione delle imposte immobiliari era più bassa dell'87 per cento di quella che Biella ha inviato a Roma. I conti non ci tornano e siamo ancora perplessi su come siano stati ripartiti quei fondi». «Per questo - ha aggiunto Cavicchioli - andremo in missione a Roma al ministero, martedì 2 febbraio, per far valere le nostre ragioni ed evitare brutte sorprese come l'anno scorso, in cui abbiamo dovuto riscrivere un bilancio già pronto per una minore entrata di 2 milioni di euro». 

Enzo Panelli

SUGGERIMENTI PUBBLICITARI