Riordino del mercato di piazza Falcone, il “golpe” rischia di saltare

Riordino del mercato di piazza Falcone, il “golpe” rischia di saltare
20 Ottobre 2017 ore 12:57

BIELLA – Sembra non volersi placare la polemica legata al riordino del mercato di piazza Falcone: ora che l’assessore comunale Stefano La Malfa ha deciso come procedere (miglioria, assegnazioni, taglio dei posti rimasti vuoti), Confesercenti, Apa e Anva tentano un “golpe”. L’obiettivo? Forzare la mano affinché il Comune provveda ad eliminare almeno 46 spazi vuoti, e – solo in un secondo momento – proceda con migliorie e assegnazioni. Ma molti, tra gli ambulanti, non ci stanno.

Per “arruolare i dissidenti” le tre associazioni hanno organizzato un incontro al bar dell’Orso di piazza Falcone. Una trentina gli ambulanti presenti: gli animi si sono scaldati al punto che si è quasi sfiorata la rissa. Gli spuntisti (ma anche molti concessionari) si sono detti favorevoli al progetto di riordino del Comune. Confesercenti, però, sembra non voler cedere: «Metteremo nero su bianco la proposta di riordino del mercato – ha detto il presidente Angelo Sacco – e se verrà controfirmata dalla maggior parte degli ambulanti sarà sottoposta all’amministrazione»

«Su 246 stalli a disposizione – ha spiegato – molti sono vuoti. Così non funziona, perché è troppo dispersivo». A chi ha contestato che così verranno penalizzati gli spuntisti, Sacco ha risposto: «Per loro il posto non è un diritto, lo possono occupare solo se c’è uno spazio vuoto». Gli animi si sono scaldati, fino quasi ad arrivare alle mani.

Shama Ciocchetti

BIELLA – Sembra non volersi placare la polemica legata al riordino del mercato di piazza Falcone: ora che l’assessore comunale Stefano La Malfa ha deciso come procedere (miglioria, assegnazioni, taglio dei posti rimasti vuoti), Confesercenti, Apa e Anva tentano un “golpe”. L’obiettivo? Forzare la mano affinché il Comune provveda ad eliminare almeno 46 spazi vuoti, e – solo in un secondo momento – proceda con migliorie e assegnazioni. Ma molti, tra gli ambulanti, non ci stanno.

Per “arruolare i dissidenti” le tre associazioni hanno organizzato un incontro al bar dell’Orso di piazza Falcone. Una trentina gli ambulanti presenti: gli animi si sono scaldati al punto che si è quasi sfiorata la rissa. Gli spuntisti (ma anche molti concessionari) si sono detti favorevoli al progetto di riordino del Comune. Confesercenti, però, sembra non voler cedere: «Metteremo nero su bianco la proposta di riordino del mercato – ha detto il presidente Angelo Sacco – e se verrà controfirmata dalla maggior parte degli ambulanti sarà sottoposta all’amministrazione»

«Su 246 stalli a disposizione – ha spiegato – molti sono vuoti. Così non funziona, perché è troppo dispersivo». A chi ha contestato che così verranno penalizzati gli spuntisti, Sacco ha risposto: «Per loro il posto non è un diritto, lo possono occupare solo se c’è uno spazio vuoto». Gli animi si sono scaldati, fino quasi ad arrivare alle mani.

Shama Ciocchetti

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità