Rifiuti, la tariffa puntuale arriva nel 2016

Rifiuti, la tariffa puntuale arriva nel 2016
Altro 25 Settembre 2015 ore 10:03

BIELLA - E’ stata la tariffa puntuale sui rifiuti la grande protagonista del consiglio comunale di martedì scorso a Palazzo Oropa, dove è andata in scena l’audizione del presidente della Seab, Silvio Belletti, dopo le tante polemiche che si sono scatenate in questi mesi. Un’audizione, come detto, però incentrata più sul futuro che sul passato. Belletti, rispondendo alle domande della minoranza, ha tranquillizzato, come aveva già fatto nelle settimane scorse, sulle modalità di assunzione dei vari dipendenti, sottolineando come la società ha agito nella massima trasparenza. Poi si è concentrato sul futuro, sulla tariffa puntuale appunto. Citando ad esempio la città di Cossato, dove in questi anni la percentuale di raccolta differenziata ha superato il 70 per cento proprio grazie all’introduzione della tariffa puntuale. 

Belletti ha poi spiegato nel dettaglio il funzionamento della tariffa puntuale. In pratica ogni bidone sarà personalizzato e dotato di un microchip che consentirà agli operatori di rilevare i vari conferimenti di ciascun nucleo familiare o di ciascuna attività commerciale e di calcolare la tariffa sugli effettivi conferimenti. Così facendo si inducono gli utenti ad aumentare l’attenzione sulla differenziazione del rifiuti, in modo da produrre meno indifferenziato e, dunque, risparmiare sulla parte variabile della bolletta. Sono previsti sconti anche per chi ha anziani in casa (per via del consumo dei pannoloni) e per chi ha bambini al di sotto dei due anni (per i pannolini). La tariffa puntuale esordirà a partire dal prossimo anno. Questi mesi saranno utilizzati da Seab per fornire i nuovi contenitori a chi non li ha ancora ricevuti. Sarà poi fondamentale una grossa campagna di comunicazione. 

Enzo Panelli

BIELLA - E’ stata la tariffa puntuale sui rifiuti la grande protagonista del consiglio comunale di martedì scorso a Palazzo Oropa, dove è andata in scena l’audizione del presidente della Seab, Silvio Belletti, dopo le tante polemiche che si sono scatenate in questi mesi. Un’audizione, come detto, però incentrata più sul futuro che sul passato. Belletti, rispondendo alle domande della minoranza, ha tranquillizzato, come aveva già fatto nelle settimane scorse, sulle modalità di assunzione dei vari dipendenti, sottolineando come la società ha agito nella massima trasparenza. Poi si è concentrato sul futuro, sulla tariffa puntuale appunto. Citando ad esempio la città di Cossato, dove in questi anni la percentuale di raccolta differenziata ha superato il 70 per cento proprio grazie all’introduzione della tariffa puntuale. 

Belletti ha poi spiegato nel dettaglio il funzionamento della tariffa puntuale. In pratica ogni bidone sarà personalizzato e dotato di un microchip che consentirà agli operatori di rilevare i vari conferimenti di ciascun nucleo familiare o di ciascuna attività commerciale e di calcolare la tariffa sugli effettivi conferimenti. Così facendo si inducono gli utenti ad aumentare l’attenzione sulla differenziazione del rifiuti, in modo da produrre meno indifferenziato e, dunque, risparmiare sulla parte variabile della bolletta. Sono previsti sconti anche per chi ha anziani in casa (per via del consumo dei pannoloni) e per chi ha bambini al di sotto dei due anni (per i pannolini). La tariffa puntuale esordirà a partire dal prossimo anno. Questi mesi saranno utilizzati da Seab per fornire i nuovi contenitori a chi non li ha ancora ricevuti. Sarà poi fondamentale una grossa campagna di comunicazione. 

Enzo Panelli