Menu
Cerca

«Ricordiamo la Resistenza biellese»

«Ricordiamo la Resistenza biellese»
Altro 20 Aprile 2015 ore 02:39

BIELLA - Biella, città medaglia d’oro al valore militare, si prepara alla celebrazione del 70° anniversario della Liberazione. «Stiamo andando incontro ad un evento importante - spiega il sindaco Marco Cavicchioli durante la conferenza stampa tenutasi a Palazzo Oropa - insieme ad Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia) abbiamo preparato una serie di eventi per il 24 aprile, giorno in cui è stata liberata la città. Inoltre, sostituiremo la targa di Villa Schneider, ormai deteriorata nel tempo, e promuoveremo una nuova iniziativa. Quando ero bambino sentivo parlare della medaglia d’oro al valore militare che la nostra città si era meritata, ma non l’avevo mai vista, per questo motivo la porteremo nelle scuole affinché tutti i cittadini, ma soprattutto i ragazzi, la possano ammirare».

«Ripartire ritrovando le nostre radici - sono le parole che usa il presidente dell’Anpi, Adriano Leone, per spiegare l’importanza della giornata - La Resistenza ha trovato radici unitarie per la creazione di uno stato democratico, anche oggi dovrebbe essere così, colloquio e condivisione alla base della politica. Importante è ricordare e sapere che i nazisti si dovettero arrendere a quelli che prima chiamavano i “banditi” partigiani e che il 2 maggio 1945 a Biella fu firmata la resa del 75° corpo d’armata tedesco e delle divisioni fasciste dipendenti». Gianni Chiorino, vice presidente Anpi, spiega: «Dobbiamo commemorare e ricordare, ma anche diffondere il messaggio di conoscenza ai ragazzi. Loro devono sapere ciò che è accaduto».    

Il programma delle celebrazioni prevede: ritrovo alle 10, di venerdì, in piazza del Battistero per la manifestazione con gli studenti delle scuole biellesi, con interventi del primo cittadino e di Adriano Leone. Alle 10.30, al Museo del Territorio, ci sarà la possibilità di visitare la mostra, aperta da oggi, “Narrare la Resistenza ai ragazzi. Pensieri, racconti e figure”. Alle 17.30 ci sarà il ritrovo delle autorità, dell’Anpi e delle associazioni combattieristiche e d’arma nel palazzo comunale. A seguire la deposizione della corona d’alloro alle lapidi dei Caduti con orazioni ufficiali. Interverrà Claudio Dellavalle presidente dell’istituto piemontese per la storia della Resistenza. Parteciperà la banda musicale “Giuseppe Verdi”. Alle 20.15, ci sarà l’inaugurazione della targa commemorativa a Villa Schneider e a seguire la fiaccolata con corteo in via Gramsci, via Italia, via Battistero, via Amendola, via Galliari, piazza Martiri della Libertà. Alle 21.30 al teatro Sociale Villani il concerto della banda “Giuseppe Verdi”. Inoltre, da oggi, sulla pagina Facebook del Comune è online la rubrica “Accadde Oggi” e su Instagram, questa settimana, nella rubrica “Innamorati del Biellese” verranno pubblicate immagini storiche del 24 e 25 aprile.

Ramona Bellotto

BIELLA - Biella, città medaglia d’oro al valore militare, si prepara alla celebrazione del 70° anniversario della Liberazione. «Stiamo andando incontro ad un evento importante - spiega il sindaco Marco Cavicchioli durante la conferenza stampa tenutasi a Palazzo Oropa - insieme ad Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia) abbiamo preparato una serie di eventi per il 24 aprile, giorno in cui è stata liberata la città. Inoltre, sostituiremo la targa di Villa Schneider, ormai deteriorata nel tempo, e promuoveremo una nuova iniziativa. Quando ero bambino sentivo parlare della medaglia d’oro al valore militare che la nostra città si era meritata, ma non l’avevo mai vista, per questo motivo la porteremo nelle scuole affinché tutti i cittadini, ma soprattutto i ragazzi, la possano ammirare».

«Ripartire ritrovando le nostre radici - sono le parole che usa il presidente dell’Anpi, Adriano Leone, per spiegare l’importanza della giornata - La Resistenza ha trovato radici unitarie per la creazione di uno stato democratico, anche oggi dovrebbe essere così, colloquio e condivisione alla base della politica. Importante è ricordare e sapere che i nazisti si dovettero arrendere a quelli che prima chiamavano i “banditi” partigiani e che il 2 maggio 1945 a Biella fu firmata la resa del 75° corpo d’armata tedesco e delle divisioni fasciste dipendenti». Gianni Chiorino, vice presidente Anpi, spiega: «Dobbiamo commemorare e ricordare, ma anche diffondere il messaggio di conoscenza ai ragazzi. Loro devono sapere ciò che è accaduto».    

Il programma delle celebrazioni prevede: ritrovo alle 10, di venerdì, in piazza del Battistero per la manifestazione con gli studenti delle scuole biellesi, con interventi del primo cittadino e di Adriano Leone. Alle 10.30, al Museo del Territorio, ci sarà la possibilità di visitare la mostra, aperta da oggi, “Narrare la Resistenza ai ragazzi. Pensieri, racconti e figure”. Alle 17.30 ci sarà il ritrovo delle autorità, dell’Anpi e delle associazioni combattieristiche e d’arma nel palazzo comunale. A seguire la deposizione della corona d’alloro alle lapidi dei Caduti con orazioni ufficiali. Interverrà Claudio Dellavalle presidente dell’istituto piemontese per la storia della Resistenza. Parteciperà la banda musicale “Giuseppe Verdi”. Alle 20.15, ci sarà l’inaugurazione della targa commemorativa a Villa Schneider e a seguire la fiaccolata con corteo in via Gramsci, via Italia, via Battistero, via Amendola, via Galliari, piazza Martiri della Libertà. Alle 21.30 al teatro Sociale Villani il concerto della banda “Giuseppe Verdi”. Inoltre, da oggi, sulla pagina Facebook del Comune è online la rubrica “Accadde Oggi” e su Instagram, questa settimana, nella rubrica “Innamorati del Biellese” verranno pubblicate immagini storiche del 24 e 25 aprile.

Ramona Bellotto